🔴 ULTIME NOTIZIE :

Ercolano, ‘gli intrappolati’ di via Cuparella: dove le ambulanze non possono entrare

Ad Ercolano esiste un quartiere residenziale costituito da abitazioni di recente costruzione con decine e […]

    Ad Ercolano esiste un quartiere residenziale costituito da abitazioni di recente costruzione con decine e decine di famiglie che vi risiedono, un parcheggio auto, addirittura una scuola elementare con centinaia di alunni e zero vie di fuga. Un paradosso proprio nella città in cui è presente il cono vulcanico, una città già storicamente distrutta dal Vesuvio e ricostruita. Una città con all’ordine del giorno piccole scosse sismiche.
    Per accedere a questo quartiere residenziale o semplicemente portare i bambini a scuola bisogna attraversare uno stretto vicolo nominato appunto “Via Cuparella” su cui insiste un edificio completamente puntellato, forse puntellato così dal lontano terremoto del 1980, con rigonfiamenti e inclinazioni nella sua struttura tali da far temere nei passanti un imminente crollo. Chi abita a via Cuparella sa benissimo che in caso di malore o un incidente, un cataclisma, un incendio, le loro vite sono spacciate perché il vicolo di accesso è così stretto da non permettere l’ingresso dei mezzi di soccorso, né ambulanze, né mezzi dei vigili del fuoco ma solo piccole automobili. È già successo in passato che il 118 ha dovuto parcheggiare la propria ambulanza fuori dal vicolo scendendo poi a piedi con la lettiga e percorrendo una lunga strada in ciò mettendo a repentaglio l’incolumità di chi invocava i soccorsi. Chi abita a via Cuparella sa benissimo che in caso di un terremoto di piccola entità il palazzo puntellato, inclinato su di un fianco potrebbe crollare ostruendo completamente ogni via di fuga. Tutto ciò ingenera negli abitanti di via Cuparella il disagio di sentirsi come “topi in trappola” e paradossalmente ciò accade a 20 metri in linea d’aria dal comune di Ercolano che non può non essere a conoscenza del problema. In questi giorni il Comune forse per lenire le lamentele e distrarre i cittadini sulla scarsità delle luminarie natalizie ha provveduto ad asfaltare alcune strade ma ciò ha aumentato le polemiche dei cittadini che contestano all’amministrazione di aver asfaltato strade che già erano asfaltate e non presentavano grossi disagi nonché lamentano all’amministrazione comunale di preoccuparsi solo di interventi “di facciata” come asfaltare una strada e non di interventi di primaria importanza come abbattere edifici pericolanti e costruire nuove strade per non lasciare in pieno centro quartieri completamente isolati e disagiati.

    Giorgio Kontovas

    google news

    IN PRIMO PIANO

    Pubblicita

    Leggi anche

    Napoli, sequestrate circa 4 milioni di di mascherine e articoli elettronici

    Circa 4 milioni di pezzi tra mascherine e prodotti elettronici, introdotti in contrabbando nel territorio italiano e senza rispettare le norme in tema di...

    Covid in Campania aumenta indice contagio, 2 morti in 48 ore

    Risale, in Campania, l'indice di contagio al covid. Ieri l'indice era sceso al di sotto del 4% (3.81%), oggi risale al 4.69%. In Campania, nelle...

    Ferrero acquisisce Fresystem, cons stabilimenti a Coivano e Sant’Angelo dei Lombardi

    Il Gruppo Ferrero acquisisce Fresystem, azienda italiana che opera nel settore del frozen bakery della "colazione italiana". L'operazione dovrebbe concludersi nei prossimi mesi. Fresystem,...

    Milano, ragazza muore per shock anafilattico dopo aver mangiato un tiramisù vegano

    Una ragazza di 20 anni è morta ieri all'Ospedale San Raffaele di Milano dopo essere andata in shock anafilattico per aver mangiato un dolce...