Primo premio come miglior film alla undicesima tappa – Napoli –  di per il cortometraggio dal titolo “Napoli” del giovane regista pakistano Wali Sheikh. La manifestazione itinerante, attualmente a Vercelli, si concluderà al Lido di Venezia dal 3 all’8 settembre, nei giorni della Mostra internazionale d’arte cinematografica. In Laguna i cortometraggi vincitori delle singole tappe del Festival e il miglior corto girato al Museo Archeologico di saranno proiettati negli spazi Cinecittà dell’Hotel Excelsior (4 settembre a partire dalle ore 13.00). I premi a  sono stati assegnati presso il teatro dell’Istituto “Paolo Colosimo”. Lo staff della manifestazione ha attribuito anche i seguenti premi speciali: miglior fotografia al croato Josiph Viskovic, per il film “The garden”, di cui ha firmato anche la regia. Miglior montaggio a Wali Sheikh, autore del film vincitore della tappa. Miglior attrice la giovane libanese Joanna Kaii, per la sua interpretazione nel film “Death in Naples”, dell’olandese Jacob Boorsma. Nel corso della settimana di a  i circa centodieci giovani filmmakers, provenienti da oltre quaranta Paesi diversi, hanno realizzato quindici cortometraggi. Diversi i temi affrontati, dal documentario, al genere drammatico, alla commedia. L’ideatore e direttore di CinemadaMare, il giornalista Franco Rina, ha ringraziato la Regione Campania per aver concesso gli spazi del “Colosimo” alle attività del Festival, in cui sono stati coinvolti oltre a giovani attori e attrici partenopei anche ragazzi ospiti dell’Istituto. “Ringrazio inoltre – ha aggiunto Rina – il direttore del Museo archeologico nazionale di Napoli, Paolo Giulierini per aver permesso ai nostri filmmakers di realizzare dei lavori video all’interno del Mann, facendo interagire l’arte antica con l’arte cinematografica”.

#EFEFEF; padding-top: 5px;">
LEGGI ANCHE  Covid, in aumento i nuovi casi in Italia: sono 16.424

‘Napoli’, il corto del pakistano Wali Sheikh, vince la undicesima tappa di CinemadaMare
di Regina Ada Scarico per Cronache della Campania

ADS



Regina Ada Scarico, ha lavorato per oltre 15 anni nel mondo del teatro e dello spettacolo in generale e ha avuto esperienze molto lunghe in qualità di amministratrice e coordinatrice di compagnia in spettacoli complessi, con numerosi attori e personale. Ha curato, sempre nell’ambito delle compagnie teatrali e anche nell’ambito più generale dell’organizzazione di eventi, sia i rapporti con Enti e soggetti terzi sia quelli con la stampa e il mondo dei mass media, avendo gestito più volte in piena autonomia l’ufficio stampa in occasione di spettacoli, rassegne, mostre ed eventi

    Camorra, triplice omicidio: chiesto il processo immediato per il genero del boss. I pentiti: ‘C’era sangue dappertutto’

    Notizia precedente

    Gala di beneficenza alla Reggia di Caserta per i bambini siriani vittime della guerra

    Notizia Successiva

    Ti potrebbe interessare..