Oroscopo di oggi 14 aprile 2024

L’esame del sangue dirà quanto vivremo: lo studio di un team dell’Università di Yale

SULLO STESSO ARGOMENTO

Un tema difficile da affrontare che divide quanti scaramanticamente non vorrebbero mai saperlo da quanti invece pretendono di tenere tutta la sua vita sotto controllo, compreso la data di morte.
Stabilire quanto ci resta da vivere è, da tempo, una delle grandi sfide della ricerca e l’ultimo studio in materia è quello di un team americano dell’Università di Yale che, grazie a nove marker biologici presenti nel sangue, sostiene di riuscire a valutare la speranza di vita di una persona, identificando una serie di fattori di rischio nel suo stile di vita. I ricercatori si basano dunque su questi nove biomarcatori per calcolare l’età biologica di una persona, che viene poi confrontata con quella anagrafica, come riporta il Guardian (dati diffusi online su Biorvix). Se questa età biologica (o fenotipica) è più alta di quella reale, l’individuo invecchia più velocemente della media e presenta dunque più rischi di contrarre malattie e morire prematuramente.”Viene misurata l’età da un punto di vista fisiologico”, spiega al Guardian Morgan Levine, patologa dell’università di Yale e coautrice dello studio. “Si può avere sessantacinque anni ma averne settanta fisiologicamente, quindi con un rischio di mortalità di un settantenne”. Una differenza che si può verificare anche in persone in buona salute. Per mettere a punto il test, gli scienziati hanno studiato quarantadue diversi parametri clinici, tra cui la conta dei globuli bianchi o livelli di glucosio e di albumina nel sangue, correlati a cartelle cliniche, indicazioni sullo stile di vita e registri di morte dei pazienti. Inizialmente, hanno utilizzato i dati di diecimila persone per identificare i parametri più legati all’aspettativa di vita. Dopo aver identificato nove marker biologici, hanno sviluppato il test che hanno eseguito su altre undicimila persone. I ricercatori hanno dunque osservato che più l’età biologica era alta rispetto a quella reale, più era alto il rischio di morire prematuramente. Inoltre, è stato constatato che le donne sembravano invecchiare più lentamente. Il test può anche fornire informazioni su ciò che contribuisce all’invecchiamento.
“Il più grande vantaggio di tutto ciò, è di riuscire a capire se qualcuno è ad alto rischio, e prendere tutte le precauzioni contro l’insorgenza di una certa malattia”, conclude Levine.


Articolo offerto da Emmerre Auto - Torre del Greco
Torna alla Home


Santa Maria a Vico, scoperta casa a luci rosse

A Santa Maria a Vico, nel casertano, un'attività illecita è stata scoperta in un appartamento affittato da una donna che favoriva la prostituzione. La donna è stata denunciata per favoreggiamento della prostituzione dopo che i carabinieri hanno identificato un cittadino colombiano agitato in un bar locale. Durante la perquisizione nell'appartamento della...

Di Lorenzo ammette: “Si è rotto il puzzle”

"Quando affronti una stagione così difficile diventa complicato aggiustare un puzzle che si è rotto". Queste le parole di Giovanni Di Lorenzo, difensore e capitano del Napoli, intervenuto ai microfoni di Sky Sport dopo il pareggio interno per 2-2 contro il Frosinone. "L'impegno della squadra c'è stato, questa vittoria sarebbe stata...

Calzona: “Ci manca la cattiveria”

"Una squadra con la nostra qualità non può subire così tanti gol, ci è mancata cattiveria in fase di non possesso". Queste le parole di Francesco Calzona, allenatore del Napoli, intervenuto ai microfoni di Sky Sport in seguito al pareggio interno per 2-2 contro il Frosinone. "Abbiamo gestito male la partita,...

Il Napoli si ferma ancora: pari con il Frosinone al Maradona

Pareggio amaro per il Napoli, che non va oltre il 2-2 contro il Frosinone di Eusebio Di Francesco, perdendo ancora terreno per un piazzamento in Champions League. Alle reti di Politano e Osimhen ha risposto la doppietta di Cheddira, quasi un ex della gara considerando che il suo cartellino...

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE