Incubo finito: tutti salvi i “cinghialotti” thailandesi

SULLO STESSO ARGOMENTO

La Thailandia tira finalmente un sospiro di sollievo: anche l’allenatore della squadra dei Wild Boars è stato recuperato dalla grotta di Tham Luang. Straordinario il risultato della terza fase di salvataggio dei ragazzi: nel giro di poche ore i soccorritori sono riusciti a recuperare i quattro ragazzi ancora intrappolati nella caverna e il loro mister, che aveva scelto di uscire da quell’incubo per ultimo. Tutti gli adolescenti, di età compresa tra gli 12 e i 16 anni, e il loro coach venticinquenne, rimasti intrappolati dal 23 giugno nella caverna, sono liberi. “Abbiamo intenzione di farli uscire tutti oggi”, aveva detto il responsabile dell’intervento Narongsak Osottanakorn. L’obiettivo adesso è vicino, la squadra di sub impegnata nel salvataggio – la stessa che domenica ha recuperato i primi quattro ragazzini – adesso è al lavoro per liberare l’allenatore.

I ragazzi tratti in salvo tra domenica e lunedì, otto in tutto, “sono in uno stato mentale buono – ha detto dall’ospedale di Chiang Rai Jesada Chokedamrongsuk, segretaria permanente del ministero della Salute pubblica – Nessuno di loro ha la febbre”. Jesada ha aggiunto che il gruppo è stato sottoposto a radiografie e esami del sangue, aggiungendo che due presentavano sintomi sospetti di polmonite, ma hanno ricevuto antibiotici e “stanno bene”. Inoltre, ha riferito che il gruppo può mangiare, muoversi e parlare. “Dovranno rimanere in ospedale per una settimana per aspettare i loro risultati e vedere se qualcosa cambia”, ha concluso Jesada.

Thongchai Lertwilairattanapong, ispettore generale del ministero della Sanità pubblica, ha spiegato che i primi quattro ragazzi usciti domenica stanno mangiando: “Chiedono anche del cioccolato”. I ragazzi rimangono in quarantena, ma alcuni genitori sono riusciti a vedere i loro bambini attraverso il vetro. La Thailandia si è mobilitata per salvare la squadra “Wild Boars” (‘i cinghialotti’, così vengono chiamati) rimasta intrappolata a Tham Luang più di due settimane fa a causa delle pesanti piogge che hanno allagato e bloccato le vie di uscita. I soccorritori hanno riprerso le operazioni per estrarre il resto della squadra e il loro allenatore mentre le pesanti piogge minacciano di complicare l’ultima fase della missione riempiendo di nuovo la grotta.






LEGGI ANCHE

Voragine in via Morghen al Vomero: la strada inghiotte due auto. Ferito uno degli occupanti

Tragedia sfiorata intorno alle 5 di stamane. Evacuato un edificio

Clan Vanella Grassi: morto in carcere il boss Vincenzo Esposito, detto ‘o Porsche

Vincenzo Esposito, noto come ‘o Porsche, boss della Vanella Grassi, è morto in carcere a Parma, dove era detenuto da tempo. Secondo fonti investigative,...

Al Museo-FRaC Baronissi presentazione del libro ‘Poetiche Impertinenze’, di Rossella Nicolò e Giancarlo Cav...

Venerdì 23 febbraio alle ore 18:30, nel Salone della conferenze del Museo-FRaC Baronissi, sarà presentato il libro di Rossella Nicolò e Giancarlo Cavallo POETICHE...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE