Una sorta di ‘manuale’ contenente le “istruzioni” su come comportarsi nel caso qualcosa fosse andato storto nel piano per realizzare frodi alle compagnie assicuratrici. E’ stato ritrovato nell’abitazione milanese di Antonietta Biancaniello, che dal dicembre scorso e’ in carcere assieme al figlio Raffaele Rullo per l’omicidio del calciatore Andrea La Rosa, nell’ambito del nuovo filone di indagine su una presunta associazione a delinquere finalizzata alle truffe alle assicurazioni per oltre 130 mila euro, tra il 2014 e il 2017, in cui risultano indagati, oltre a madre e figlio, anche altri quattro loro familiari. Il “foglio”, ritrovato nell’appartamento di via Cogne della donna, conteneva la scritta “Cosa riferire a una ipotetica compagnia assicuratrice, nel caso di eventuali controlli”. Come si legge nella nuova ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari a carico del 35enne e di sua madre, firmata dal gip di Giulio Fanales, il modus operandi della associazione “consisteva nel reperimento di autoveicoli incidentati” e nell’utilizzo “di piu’ conti bancari, intestati a piu’ persone, su cui venivano accreditati gli indennizzi” e su “una rete di contatti per l’occultamento di veicoli, di cui si denunciava falsamente il furto”. Un meccanismo questo, si legge ancora nel provvedimento, “orchestrato da Rullo (considerato il promotore dell’associazione, ndr) e ben rodato”. Il 35enne, secondo il giudice, ha infatti una “particolare capacita’ a delinquere” considerate anche “le in corso” sull’omicidio. Era lui “a procacciare le auto incidentate, facendole intestare agli altri partecipi, ad individuare le ditte assicuratrici, nonche’ a scegliere i luoghi dei furti simulati” e persino “a dare vere e proprie istruzioni ai partecipi su cosa dire in caso di denuncia e di eventuali accertamenti da parte delle compagnie assicurative”.

#EFEFEF; padding-top: 5px;">
LEGGI ANCHE  Arrestato a Milano super latitante del clan Pagnozzi di Napoli

Ex calciatore ucciso: a casa dei killer anche il ‘manuale’ sulle frodi auto
di Redazione per Cronache della Campania

ADS



Siamo la redazione di Cronache della Campania. Sembra un account astratto ma possiamo assicurarvi che è sempre un umano a scrivere questi articoli, anzi più di uno ed è per questo usiamo questo account. Per conoscere la nostra Redazione visita la pagina "Redazione" sopra nel menù, o in fondo..Buona lettura!

Trovato un mini cellulare in cella nel carcere di Sanremo

Notizia precedente

Scafati, la lettera dell’Anpi a don Giovanni de Riggi: ‘Come facciamo noi e voi a combattere la camorra?’

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..