Ancora in coma la bambina ferita nell’incidente con la mini moto

SULLO STESSO ARGOMENTO

La bambina rimasta ferita domenica scorsa in un incidente con la minimoto, resta in coma farmacologico. Le sue condizioni sono stabili ma i medici dell’ospedale Santobono di Napoli ancora non si sbilanciano. Dicono di aspettare. L’intervento chirurgico alla testa, durato sette ore, è perfettamente riuscito. La famiglia è fiduciosa ed è convinta che Marika riuscirà a superare anche questo difficile momento.
L’intera provincia è in ansia per le sorti della, a cominciare dalla comunità di Forino. Un grosso contributo arriva dalle associazioni di volontariato: una su tutte è “Progetto Lulù”.
I messaggi di incoraggiamento continuano ad essere tanti. Si moltiplicano telefonate e post su Facebook. Una vicinanza che fa bene in questo momento di difficoltà. La mamma continua a ripetere che è stata una casualità, una tragica fatalità che sarebbe potuta capitare a tutti. Non colpevolizza nessuno.
Sulla ricostruzione dell’incidente avvenuto domenica scorsa, nella prima serata, all’interno dello spazio privato di un’abitazione di Forino, lavorano i Carabinieri dello locale Stazione. Hanno raccolto tutte le informazioni utili per avere un quadro preciso di quanto verificatosi e di come la bimba di dieci anni si sia schiantata contro il muro.
Appare assodato che Marika abbia inforcato il piccolo mezzo a due ruote per provare a guidarlo. Ma non ha avuto neanche il tempo di capire come controllarlo. Un accenno di accelerata e la minimoto è schizzata via, senza possibilità di essere gestita. L’impatto è stato violento, provocando il trauma cranico e quello toracico che creano apprensione tra i medici del Santobono, dov’è giunta in autoambulanza dall’ospedale Moscati di Avellino.






LEGGI ANCHE

Scafati, sequestrati 2 milioni di prodotti per creare bijoux con tecnica “wire”

Nell'ambito di un'operazione mirata al contrasto del commercio di articoli non sicuri, la Guardia di Finanza di Salerno ha sequestrato circa 2 milioni di...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Casalnuovo, ‘Una Città Che Scrive’ dedica la nona edizione del Premio Letterario a Giulia Cecchettin

L'ideatore del premio, Giovanni Nappi, ha sottolineato che questa edizione rappresenta un forte e chiaro messaggio contro la violenza sulle donne. Il bando per il...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE