Inchiesta rifiuti, Oliviero si sospende dal consiglio comunale di Ercolano

SULLO STESSO ARGOMENTO

Ercolano. Inchiesta sulla Sma: si autosospende il consigliere di Ercolano Mario Oliviero, detto Rory, apparso in uno dei video di Fanpage.it  mentre intascava una ‘finta’ tangente e indagato dalla Procura di Napoli per gli appalti relativi allo smaltimento dei rifiuti. In una lettera protocollata e inviata oggi al presidente del consiglio comunale, Oliviero spiega la decisione presa “al fine di evitare qualsivoglia strumentalizzazione e in attesa che possa farsi piena luce” sulla sua posizione di uomo pubblico. Oliviero si dice certo che la vicenda “disvelerà compiutamente, già nelle prossime settimane, tutti gli scenari che ancora non sono venuti alla luce”. Un video dell’inchiesta giornalistica di Fanpage.it ritrae Oliviero che porta via una valigetta nella quale ci sarebbero dovuti essere 50mila euro. Un invito a rassegnare le dimissioni era stato avanzato nei giorni scorsi dal presidente del Consiglio comunale di Ercolano, Luigi Simeone. Oliviero ha scelto la strada dell’autosospensione anzichè quella delle dimissioni.






LEGGI ANCHE

Quasi 500 i detenuti minori e giovani adulti in Italia, mai così tanti dal 2012

Il numero complessivo di giovani detenuti nei 17 istituti penali per minorenni presenti nel Paese ammonta a 496, tra cui 13 donne (pari al...

Aversa: la cantante neomelodica Fabiana incontra gli studenti per parlare di amore e del suo controverso successo

La cantante neomelodica Fabiana, al centro di una polemica nazionale per la canzone "Malessere" che inneggia all'uomo geloso e prepotente, parlerà di amore con...

Morti sul lavoro, presidio di Cgil e Uil  domani in piazza del Plebiscito a Napoli

Napoli. Domani mercoledì 21 febbraio, alle ore 15, è previsto un presidio promosso da Cgil e Uil insieme alle categorie degli edili Fillea e...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE