HomeCronaca GiudiziariaSetola finto cieco per evadere, dura requisitoria del pm: "I falsi certificati...

Setola finto cieco per evadere, dura requisitoria del pm: “I falsi certificati presupposti per le stragi”

google news

Caserta. I falsi certificati a Giuseppe Setola furono i presupposti per le stragi. Durissima la requisitoria del pm dell’antimafia, Alessandro Milita, nel processo che si sta celebrando al Tribunale di Santa Maria Capua Vetere nei confronti dello stragista dei Casalesi, Giuseppe Setola e dell’oculista di Pavia Aldo Fronterrè, ritenuto un luminare nel suo campo, accusato di concorso esterno in associazione camorristica e false attestazioni alle autorità giudiziaria. La requisitoria iniziata oggi si concluderà nell’udienza del 13 marzo con le richieste di pena per i due imputati: Setola e Fronterrè. L’altro coimputato, l’avvocato Girolamo Casella è stato già condannato a undici anni di reclusione per gli stessi fatti. Al centro della vicenda la fuga di Giuseppe Setola dalla clinica Maugeri di Pavia dove era ricoverato ai domiciliari per problemi di salute. Quasi cieco ad un occhio, ma ci vedeva benissimo. Secondo l’accusa Fronterrè avrebbe presentato, tra la fine del 2006 e l’inizio del 2007, falsi certificati medici diagnosticando a Setola una malattia all’occhio destro, un foro maculare, di cui Setola non avrebbe mai sofferto, mentre invece il boss aveva effettivamente dei disturbi all’occhio sinistro per un trauma subito in gioventù. Per quella diagnosi, la Corte d’Assise di Santa Maria Capua Vetere concesse il 18 gennaio 2008 gli arresti domiciliari al boss in un’abitazione nei pressi della clinica Maugeri di Pavia, dove lavorava Fronterrè e dove il killer si sarebbe dovuto curare. Tre mesi dopo, il 18 aprile, Setola evase dalla clinica dando inizio alla stagione delle stragi nel casertano. Milita che durante il processo è passato dalla Dda di Napoli alla Procura di Santa Maria Capua Vetere come aggiunto, ha – durante la requisitoria – fatto un exursus su Giuseppe Setola e sul suo curriculum criminale “questo è l’ultimo processo riguardante Setola e il periodo dell’evasione e degli omicidi – ha spiegato -. Un’eventuale condanna sarebbe irrilevante per Setola, che ha numerosi ergastoli da scontare, ma sarebbe fondamentale perchè dichiarerebbe falsa quella cartella clinica usata da Setola con la complicità del suo ex legale Girolamo Casella, che per questi fatti è già stato condannato definitivamente (undici anni la condanna per l’avvocato Casella), e dello stesso Fronterrè: tra 5 o 10 anni, quando sarà calata la memoria delle gesta terroristiche compiute da Setola, nessuno potrà più usare questa cartella clinica per provare a farlo uscire dal carcere, o comunque bisognerà stare molto attenti per non incorrere in gravi reati”.

Nel corso della requisitoria, il pubblico ministero ha stigmatizzato la tesi difensiva del medico pavese definendolo ‘ridicolo’. Durante l’esame, in dibattimento, Fronterrè aveva affermato che “si ritrovò Setola alla clinica Maugeri di cui era un primario senza sapere perchè. Questa è una versione che ripugna alla logica umana, e che contraddice l’ammissione fatta da Fronterrè durante l’interrogatorio di garanzia effettuato in carcere dopo l’arresto del dicembre 2012.  Lì, davanti al Gip, ammise di aver accentuato la patologia di Setola”. Il comportamento del primario non si sarebbe limitato a quei certificati fasulli ma sarebbe prevalso anche dopo l’arresto di Setola nel 2009, quando tutti vennero a conoscenza che era responsabile della strage degli africani: “continuò a tentare di farlo uscire dal carcere presentando un’altra consulenza al processo per la strage degli africani”. Il pm riporta anche le dichiarazioni spontanee fatte da Setola in aula nell’ottobre 2014, quando il camorrista dichiarò di voler iniziare un percorso di collaborazione con la giustizia. “Ci vedo molto bene, racconterò tutto alla Dda” ricorda Milita; la cosa non andò avanti perchè “fortunatamente – aggiunge il pm – la collaborazione non si concretizzò”.

Redazione
Redazionehttps://www.cronachedellacampania.it
Siamo la redazione di Cronache della Campania. Sembra un account astratto ma possiamo assicurarvi che è sempre un umano a scrivere questi articoli, anzi più di uno ed è per questo usiamo questo account. Per conoscere la nostra Redazione visita la pagina "Redazione" sopra nel menù, o in fondo..Buona lettura!

La Newsletter di Cronache

Ogni giorno nella tua mail le ultime notizie

google news
spot_img

Leggi anche

Oroscopo oggi, previsioni segno per segno.Leone fortunati oggi

L'oroscopo oggi. Il segno fortunato del 2 luglio è quello del Leone Ariete Forti tensioni in famiglia specie con quella acquisita, le prese di posizione dall’alto...

Pianura, il cadavere ritrovato è di Andrea Covelli: ma la famiglia non ha voluto riconoscerlo

E' di Andrea Covellii il cadavere ritrovato nel tardo pomeriggio nelle campagne di Pianura anche se la famiglia non ha voluto riconoscerlo. Sul cadavere, in...

Ischia, senza acqua zona porto e serrara fontana per blackout

Ad Ischia un blackout sta causando problemi idrici : senza acqua la zona porto e serrara fontana. Un improvviso blackout elettrico sta provocando lo...

Napoli, negli ospedali acqua gratis ai degenti per il troppo caldo

Bottiglie d'acqua gratuite il caldo estremo

CRONACHE TV

spot_img

IN PRIMO PIANO

Pubblicita