Spalletti convinto: “L’Italia può competere con le big a Euro2024”

SULLO STESSO ARGOMENTO

Manca poco più di un mese a Euro2024 e Luciano Spalletti carica la sua Italia: “Possiamo competere con le big europee come Inghilterra, Francia e Germania, ma dobbiamo lavorare ancora. Quello che abbiamo fatto finora non è sufficiente. Abbiamo qualità tecniche e umane, e questo conta.”

Per il ct azzurro, la maglia della Nazionale è qualcosa di speciale: “È la più bella e più importante del mondo, la prima pelle per un calciatore. Va indossata con orgoglio, convinzione, dignità e umanità. Nella nostra Nazionale tutti devono essere uguali, nessuno deve sentirsi più importante degli altri.

Dobbiamo imparare dalle sconfitte passate, sono quelle che ti insegnano di più. La vittoria è bella, ma se fine a sé stessa diventa un vizio. Invece, dalla depressione di una sconfitta si può rinascere.”

    Spalletti potrebbe aver trovato il centravanti giusto in Gianluca Scamacca: “Il merito è di Gasperini che lo allena, ma se in qualche modo ho dato una scossa a Scamacca con i miei rimproveri sui videogiochi, ne sono contento. Il mio fine è sempre quello di far crescere i miei giocatori.”

     Scamacca il centravanti giusto per la Nazionale

    Per tenere unito lo spogliatoio, Spalletti ha una ricetta semplice: “Bisogna connettersi sulla stessa lunghezza d’onda. Convincerci a vicenda di essere forti, motivati e sempre sul pezzo. Lo dico sempre ai miei calciatori: davanti allo spogliatoio c’è un salvadanaio virtuale dove ognuno mette ciò che ha e può dare. Recuperare una palla persa può valere quanto un gol. Così si vince, così nascono i rapporti veri.”

    Guardando al campionato italiano, la squadra che più ha colpito Spalletti è il Bologna: “A parte l’Inter che ha vinto meritatamente lo scudetto, mi è piaciuto molto il Bologna. Mi ricorda il mio Napoli. Bel gioco e un gruppo unito dove si respira amicizia e fratellanza. È così che si vince, anche.”

    “Il Bologna mi ricorda il mio Napoli”

    Inevitabile poi parlare del Napoli, la sua ex squadra: “Tre allenatori in genere non si cambiano neanche in cinque anni. Come si fa in pochi mesi ad assimilare tante cose da uomini che hanno metodi e caratteri diversi?

    I giocatori, talvolta, devono essere confortati, convinti di essere forti. Basta un nulla per demotivarsi. Ragazzi giovani come Zirkzee e Kvara, per esempio, vanno coltivati, difesi e sostenuti ogni giorno.”

    Spalletti è pronto per la sfida di Euro2024: “L’Italia è pronta, ma non siamo tra le favorite. Dobbiamo dare il massimo e giocare con il cuore. Se faremo questo, potremo toglierci grandi soddisfazioni.”



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    telegram

    LIVE NEWS

    Funerale Gaetano Di Vaio, in chiesa a Napoli si canta “Bella ciao”

    Una grande folla ha partecipato commossa ai funerali di...
    DALLA HOME

    Rassegna ‘Maggio Appiso’ Prosegue con lo Spettacolo ‘Rosarosaerosae’ in Sala Assoli

    Mercoledì 29 maggio alle ore 20.30, la rassegna 'Maggio Appiso' continua con lo spettacolo 'Rosarosaerosae' in Sala Assoli. Questo evento, curato da Funa Performings Art e Casa del Contemporaneo, è una rassegna di danza aerea e teatro-danza immersivo. ### Concept e Produzione 'Rosarosaerosae' è un progetto multimediale presentato dagli artisti...

    ULTIME NOTIZIE

    TI POTREBBE INTERESSARE