Scorpion, il re del traffico di esseri umani individuato in Iraq

SULLO STESSO ARGOMENTO

Barzan Majeed, noto come “Scorpion”, è il boss del traffico di esseri umani più ricercato d’Europa. Il 38enne iracheno è il capo di una delle più grandi organizzazioni criminali che controllano il traffico di migranti in Europa centrale.

Nel 2006, Majeed è arrivato illegalmente nel Regno Unito nascosto in un camion e vi è rimasto fino alla sua espulsione nel 2015. L’anno successivo ha ereditato il controllo dell’organizzazione da suo fratello maggiore, incarcerato in Belgio, e ha iniziato a gestire il redditizio business del traffico di esseri umani, con tariffe fino a 10.000 euro a persona.

Majeed stesso ammette di aver introdotto in Europa migliaia di migranti, ma non tiene conto di quanti esattamente. Quando è stato intervistato da due giornalisti della BBC in un bar in Iraq, ha affermato: “Forse un migliaio, forse 10.000. Non lo so, non li ho mai contati”. È ricercato dalla polizia europea e nell’ottobre del 2022 un tribunale belga lo ha condannato in contumacia a 10 anni di reclusione e a una multa di circa 968.000 euro per 121 capi di imputazione.

    Per molti migranti che cercano di entrare nel Regno Unito, la Turchia è una tappa obbligata. La BBC ha cercato Majeed in un bar di Istanbul frequentato da trafficanti, ma alla fine lo ha trovato in Iraq. Si è presentato all’appuntamento con i giornalisti con un atteggiamento tranquillo e ben vestito.

    Tra il 2016 e il 2019, ha organizzato il traffico verso il Belgio e la Francia, affermando di aver gestito milioni di dollari, ma negando di essere un vero trafficante. Secondo lui, il traffico illegale è compito di coloro che fisicamente caricano i migranti su barconi o camion. Lui sostiene di essere semplicemente il gestore del denaro.

    Durante l’intervista, Majeed ha negato di essere ancora coinvolto nel traffico di esseri umani, ma il suo comportamento ha raccontato un’altra storia. Mentre guardava il suo smartphone, uno dei giornalisti della BBC ha notato, attraverso il riflesso in una cornice, che Majeed stava visualizzando lunghi elenchi di numeri di passaporto, probabilmente utilizzati per produrre visti falsi.

    Majeed sembra non mostrare alcuno scrupolo riguardo ai migranti che muoiono durante le traversate del Mediterraneo. Con un tono freddo, ha dichiarato: “Dio non ti ordina di salire sulla barca. Io non ci ho mai messo nessuno e non ho mai ucciso nessuno”. Non si sente responsabile per coloro che non sopravvivono al viaggio.

    A suo dire, il suo unico compito era gestire il denaro e coordinare i trasporti. I giornalisti della BBC hanno condiviso le informazioni del loro incontro con le autorità europee e britanniche.

    Ann Lukowiak, il pubblico ministero belga responsabile del caso, spera di ottenere l’estradizione di Majeed dall’Iraq. Con la condanna del 2022, afferma, “abbiamo inviato il segnale che non può agire impunito”, e si dice fiduciosa che alla fine verrà catturato.


    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    DALLA HOME

    I Campi Flegrei: un vulcano attivo alle porte di Napoli

    I Campi Flegrei: un vulcano attivo alle porte di Napoli, un'area vulcanica unica al mondo Situati ad ovest di Napoli, i Campi Flegrei non sono un singolo vulcano con un cono caratteristico, ma piuttosto un'ampia zona costellata da diversi centri eruttivi attivi da oltre 80.000 anni. Al loro interno si trova...

    LEGGI ANCHE

    CRONACA NAPOLI