Napoli, panetti hashish nel vano contatori: pusher spacciava dai domiciliari

Napoli. Avevano il sospetto che nonostante fosse ai domiciliari...

Rassegna ‘Maggio Appiso’ Prosegue con lo Spettacolo ‘Rosarosaerosae’ in Sala Assoli

SULLO STESSO ARGOMENTO

Mercoledì 29 maggio alle ore 20.30, la rassegna ‘Maggio Appiso’ continua con lo spettacolo ‘Rosarosaerosae’ in Sala Assoli. Questo evento, curato da Funa Performings Art e Casa del Contemporaneo, è una rassegna di danza aerea e teatro-danza immersivo.

PUBBLICITA

Concept e Produzione

‘Rosarosaerosae’ è un progetto multimediale presentato dagli artisti Sara Lupoli, Maria Anzivino, Marianna Occia e Viola Russo. La scenografia video è curata da Livia Ficara e Alessandro Papa, con costumi di Dario Biancullo. Il design sonoro è curato da Valerio Middione e Matteo Vinti. Il progetto è prodotto da Art Garage in co-produzione con Körper e Théâtre des Calanques, e sostenuto da diverse istituzioni artistiche come Casa del Contemporaneo, Accademia di Belle Arti di Napoli, Teatro Libero di Palermo, FABBRICA EUROPA, N+N Corsino, Teatro San Materno e FUNA. ‘Rosarosaerosae’ replica giovedì 30 maggio alle ore 20.30.

Biglietti e Informazioni

I biglietti per assistere allo spettacolo sono disponibili al costo di 14 euro per il biglietto intero e 10 euro per il ridotto. Per informazioni e prenotazioni, è possibile contattare il numero 345 467 9142 o inviare una email a assoli@casadelcontemporaneo.it.

Un Viaggio Multisensoriale

Il progetto ‘Rosarosaerosae’ combina video-proiezioni, tessuti, suoni, corpo e voce per creare uno spazio di rappresentazione dell’identità e delle sue molteplici forme. Lo spettacolo esplora la natura mutevole dell’essere umano attraverso un viaggio sensoriale, dove il corpo è protagonista. Ambienti solitari e sensibili permettono all’io di disperdersi e riconoscersi.

Esplorazione dell’Identità di Genere

L’obiettivo di ‘Rosarosaerosae’ è indagare le origini materiche, culturali e cinestetiche che influenzano il senso di genere, spesso legato a conflitti interiori. Il riferimento al latino serve a evidenziare la necessità di risalire alla base di una grammatica emotiva incorporata ma talvolta estranea. Questo capitolo della rassegna si arricchisce di una drammaturgia immersiva e coinvolge il pubblico in un percorso performativo interattivo. Il cinema svolge un ruolo cruciale come trait d’union tra emozioni, poetiche e linguaggi artistici diversi, creando un’esperienza unica e coinvolgente.


LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

googlenews
facebook


I FATTI DEL GIORNO

ULTIME NOTIZIE

TI POTREBBE INTERESSARE