Camorra, operato Mariano Errichelli: chi ha sparato non voleva ucciderlo

SULLO STESSO ARGOMENTO

È stato operato nella serata di ieri Mariano Errichelli, il 24enne ferito da colpi di arma da fuoco nel pomeriggio e ricoverato nell’ospedale Cto.

I medici gli hanno estratto il proiettile conficcato nella gamba. E’ stato dichiarato guaribile in 30 giorni. E con il passare delle ore sembra certo che la sparatoria in cui è rimasto ferito Errichelli e quella del corso Vittorio Emanuele non siano collegate.

Mariano Errichelli, già noto alle forze dell’ordine, è figlio di Antonio Errichelli, detto “o cinese”, considerato esponente di spicco del clan Licciardi ucciso a 46 anni il 29 gennaio 2014 in un agguato nel quartiere Secondigliano.

    Anche l’agguato di ieri pomeriggio nel quale è rimasto ferito il figlio Mariano sarebbe avvenuto a Secondigliano.

    Il giovane ferito non ha fornito elementi utili alle indagini ma chi ha fatto fuoco contro di lui non voleva ucciderlo. Era un avvertimento perché ha mirato in basso.

    Gli investigatori stanno cercando di stabilire il motivo dell’avvertimento e stanno anche cercando immagini utili dalle telecamere private posto nella zona di Secondigliano dove è avvenuta la sparatoria.



    LIVE NEWS

    Campi Flegrei, 1200 edifici ad alto rischio su 4mila valutati

    Ai Campi Flegrei su 4.000 edifici ben 1250 sono...
    DALLA HOME

    Rivolta al Beccaria: 70 detenuti minorenni asserragliati in cortile

    Rivolta al Beccaria: detenuti sfasciano le celle, agenti entrano in azione Un pomeriggio di tensione al carcere minorile Beccaria di Milano. Nel tardo pomeriggio di oggi, diverse decine di giovani detenuti si sono asserragliati nel cortile della struttura, dando inizio a una rivolta. La rivolta al Beccaria è scoppiata intorno alle...

    ULTIME NOTIZIE

    TI POTREBBE INTERESSARE