Fondi MiC per la cultura a Lazio, Campania e Toscana: i 133 progetti finanziati

SULLO STESSO ARGOMENTO

Il Ministro della Cultura, Gennaro Sangiuliano, ha annunciato un significativo pacchetto di finanziamenti destinato alla conservazione del patrimonio culturale italiano. Un totale di quasi 236 milioni di euro sarà distribuito nel triennio 2024-2026, con interventi previsti in tutti i settori culturali e in tutte le regioni.

Questi fondi sosterranno una varietà di progetti, con un’enfasi particolare sui beni archeologici, le belle arti e il paesaggio, oltre ai musei, archivi e biblioteche. I finanziamenti saranno distribuiti con una particolare attenzione alle necessità di ogni area geografica, assicurando un approccio equilibrato e inclusivo.

Beni Archeologici: 15 milioni di euro saranno impiegati per il restauro e la manutenzione di siti minori, con l’obiettivo di preservare e valorizzare aree meno note ma di grande valore storico e culturale. Belle Arti e Paesaggio: un investimento di 27,2 milioni di euro mirerà al restauro di opere d’arte e alla cura dei paesaggi culturali, con progetti che spaziano dal recupero di antichi complessi a interventi in aree verdi urbane e rurali.

    Musei: I musei beneficeranno di quasi 12,5 milioni di euro, destinati alla manutenzione straordinaria e all’aggiornamento delle strutture espositive per migliorare l’accessibilità e l’esperienza dei visitatori. Archivi e Biblioteche: Fondi specifici, rispettivamente 3,7 milioni e 5,4 milioni di euro, sosterranno la digitalizzazione, il restauro dei documenti e il miglioramento delle infrastrutture per garantire la conservazione e la fruizione del patrimonio documentale.

    Il Lazio si posiziona in cima alla lista delle regioni più finanziate, con progetti che totalizzano 38,8 milioni di euro. Tra gli interventi più significativi si segnala il restauro di musei, la manutenzione di aree archeologiche e il recupero di biblioteche e archivi. L’impegno del Ministero della Cultura sotto la guida del ministro Sangiuliano mira a rafforzare la tutela del patrimonio culturale come pilastro fondamentale per l’identità e il turismo del Paese.


    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    DALLA HOME

    Femminicidio Anna Scala: Comune di Piano di Sorrento parte civile

    Femminicidio Anna Scala:il Comune di Piano di Sorrento ha deliberato di costituirsi parte civile nel processo per il femminicidio di Anna Scala, la donna uccisa il 17 agosto 2023 a Piano di Sorrento. L'udienza preliminare si terrà nei prossimi giorni presso il Tribunale di Torre Annunziata. "La decisione di costituirci...

    LEGGI ANCHE

    CRONACA NAPOLI