Napoli, droga e telefoni in carcere: il pilota del drone guadagnava 10mila euro al giorno. I nomi dei 39 indagati

SULLO STESSO ARGOMENTO

Sono 39 gli indagati di cui solo 21 finiti in carcere, nell’inchiesta sul traffico di droga e cellulari e apparecchiature connesse, introdotti in tutte le carceri italiane attraverso i droni.

Sistema ideato dai detenuti dei più importanti clan della camorra di Napoli e provincia sotto il controllo della famigerata “Alleanza di Secondigliano”. Nelle 360 pagine dell’ordinanza cautelare firmata dal gip Luca Della Ragione viene descritto l’esatto funzionamento, i percorsi, i partecipanti, i ruoli, le tariffe, i committenti, i clienti finali e tutti quelli che collaboravano a far arrivare nelle carceri italiane tutto quello che di illegale potesse arrivare.

L’organizzazione era dotata di conducenti di auto, collaboratori e poi due figure particolari e principali del sistema ovvero il pilota di droni Vincenzo Scagnamiglio, che come lui stesso si vanta in colloquio coin una sua collaboratrice intercettato guadagnava “fino a 10mila euro al giorno” e poi Antonio Castiello titolare della società “B2B Consulting”, attiva nel settore dell’assistenza e vendita di droni con sede in Montoro, in provincia di Avellino, con il compito di provvedere ad apportare le modifiche necessarie a consentire il trasporto di pesi e a superare le barriere antidrone e operare nelle zone “protette”, così eludendo di volta in volta i presidi tecnici apprestati a tutela dall’amministrazione penitenziaria.

    Il principale artefice delle  “consegne’ a detenuti in maniera particolare i boss del circuito Alta Sicurezza 3 e la loro provenienza partenopea, è Vincenzo Scognamiglio. Il 38enne di Cercola nel corso di un colloquio con Giovanna Viciglione, sua collaboratrice e persona di fiducia, non sapendo di essere intercettato descrive la genesi dell’organizzazione ideata per introdurre in carcere apparati telefonici, armi e sostanze stupefacenti.

    Nel corso di una telefonata in connessione dati (intercettato in viva voce all’interno del della sua auto), intercorsa con il giovane boss Giovanni Baratto, in possesso di un telefono all’interno del carcere di Siracusa, parla dei controlli di Polizia a cui era stato sottoposto.

    Poi – come si legge nell’ordinanza – “conclusa la conversazione telefonica, ricostruisce alla Viciglione la genesi del sodalizio, individuandone i promotori in Giovanni Baratto, “LUCIO’ identificato in Lucio Musella e “NICOLA8”, identificato in Nicolas Brunetti di Forcella, (appartenente alla famosa “Paranza dei Bambini”). Successivamente, le conoscenze di Musella determineranno il coinvolgimento di Giorgio Ciriello e, tramite questi, dello stesso  Vincenzo Scognamiglio, dando inizio alle attività di sorvolo dei droni nel penitenziario partenopeo in ragione delle quali questi confida alla donna che già all’epoca guadagnava circa 10 mila euro al giorno”.

    Due dei nove collaboratori di giustizia che hanno contribuito alle indagini raccontano la genesi di come è stato creato il sistema droni. Si tratta di Francesco Capasso  e Antonio Cocci entrambi legati ai clan del parco Verde di Caivano.

     Il racconto dei collaboratori di giustizia

    “Il sistema dei droni è stato creato dallo stesso Musella nel carcere di Secondigliano. Con lui hanno contribuito a organizzare il sistema un tale Nicolas, fratello di o pick, non ne conosco il cognome, legati al clan Sibillo, poi c’era un certo Celentano, Giovanni Baratto di Casoria “, ha raccontato nel 2022 Capasso.

    “Il ragazzo che guida il drone si chiama Enzuccio, abita a Sant’Anastasia ma e originario di Bagnoli io ho avuto modo di sentirlo più volte al telefono quando parlava con Nicolas Brunetti, uno del clan Sibillo, che gestisce dall’interno dal carcere il traffico di telefoni. Brunetti gestisce questo sistema dei droni da 4-5 anni, dapprima al carcere di Secondigliano dove era detenuto e poi ha continuato a farlo anche a Terni da Natale 2021”, ha raccontato invece Antonio Cocci.

    ELENCO DEGLI INDAGATI

    1. ALBERGATORE Luigi nato a Torre Annunziata il 27.9.1988;
    2. ANGIERI Carmela, nata a San Paolo Belsito (NA) il 15.01 .1980;
    3. BALZANO Matteo, nato a Napoli il 17.7.1997;         CARCERE
    4. BARATTO Giovanni, nato a Napoli il 15.3.1996;        CARCERE
    5. BARONE Gennaro Pasquale, nato a Pollena Trocchia (NA) il 30.06.1993; CARCERE
    6 BASILE Salvatore nato a Napoli il 23.11.1991;
    7. BRUNETTI Nicolas, nato a Napoli l’’8.11.1993;    CARCERE
    8. CASCONE Roberta, nata a Napoli il 9.12.1970;  CARCERE
    9. CASTIELLO Antonio, nato a Montoro Superiore (AV) il 12.01.1972;  CARCERE
    10. CELENTANO Salvatore nato a Napoli il 26.10.1986;  CARCERE
    11. CIRIELLO Giorgio, nato a Massa di Somma (NA) il 18.07.1997;  CARCERE
    12. CONTINI Ciro, nato a Napoli il 24.12.1988;  CARCERE
    13 COSTAGLIOLA Vincenzo, nato a Napoli il 27.6.1991;  CARCERE
    14. DE ROSA Vincenza, nata a Pomigliano d’Arco il 4.3.1997;
    15. ESPOSITO Cristian, nato a Napoli l’1.8.1991;  CARCERE
    16. FRANCAVILLA Giuseppe nato a Foggia il 6.11.1978;
    17. GIULIANO Manuel nato a Napoli il 16.11.1989;
    18. GRIMALDI Nico nato a Napoli il 3.10.1 995;  CARCERE
    19. GRIMALDI Vincenzo, nato a Napoli il 10.1.1988;
    20 IULIANO Alessandro, nato a Napoli il 9.08.1993;  CARCERE
    21. LUPOLI Armando nato a Napoli il 7.5.1986;
    22. MAIONE Ciro Antonio nato a Pollena Trocchia il 3.10.1996;
    23. MANZI Oreste, nato ad Avellino il 5.5.1993;
    24. MARINO Angelo nato a Napoli il 23.11.1972;
    25 MUSELLA Lucio, nato a Napoli l’1.9.1989:  CARCERE
    26. NAPPI Maria Matilde nata a Napoli il 18.2.1974; CARCERE
    27. NOCERA Andrea, nato a Marcianise il 22.5.1989;
    28. PAOLO Pasquale, nato a Napoli I’ 1.1.1994;
    29. PESCI-IECHERA Antonio, nato a Bartella il 18.4.1979;
    30. PITIROLLO Rita, nata a Napoli il 21.07.1970;    CARCERE
    31 ROMANO Eduardo Franco, nato a Dortmund — Germania —
    32. RUSSO Domenico nato a Napoli il 28.11.1989;
    33. SAUTTO Nicola, nato a Napoli il 15.4.1970;
    34 SCOGNAMIGLIO Vincenzo, nato a Cercola (NA) Il 27.07.1986;  CARCERE
    35. SCOTTO Domenico nato a Napoli il 16.11.1983;
    36. TALLETTI Antonio Gianpaolo, nato a Casoria (NA) 11.07.1968; CARCERE
    37. TESSITORE Santo, nato ad Acerra l’11.10.1994;
    38. VICIGLIONE Giovanna, nata a Caserta il 18.08.1981; CARCERE
    39. VITALE Maria nata a Napoli, il 29.11.1984; CARCERE

    @riproduzione riservata



    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    telegram

    LIVE NEWS

    Il programma dell’ultima giornata di Serie A: sfide salvezza in contemporanea

    La Lega Serie A ha comunicato il calendario degli anticipi e dei posticipi per la 38ª e ultima giornata del campionato. Il turno finale si aprirà con l'anticipo tra Cagliari e Fiorentina giovedì 23 maggio, concedendo ai viola un giorno extra per preparare la finale di Conference League. Napoli in...

     Sorrento, riaprono rianimazione e terapia intensiva in ospedale

    Sorrento. È stata inaugurata la nuova sala del reparto di rianimazione e terapia intensiva nell'ospedale Santa Maria della Misericordia di Sorrento. La cerimonia di inaugurazione ha visto la partecipazione del presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, del sindaco di Sorrento, Massimo Coppola, e del direttore generale dell'ASL Napoli 3...

    CRONACA NAPOLI