Il debutto pubblico di Sandokan come pentito il 3 aprile al processo Rfi?

SULLO STESSO ARGOMENTO

Il debutto pubblico di Francesco Schiavone come collaboratore di giustizia potrebbe avvenire, presto, molto presti: addirittura tra 4 giorni. Sandokan potrebbe testimoniare il 3 aprile prossimo nel processo ai funzionari di Rete Ferroviaria Italiana accusati di collusione con il clan.

Le sue dichiarazioni potrebbero incastrare Nicola Schiavone, storico prestanome del boss, e individuare la “cassaforte” dei Casalesi e quindi potrebbe avere un impatto significativo su uno dei più recenti e cruciali processi riguardanti il coinvolgimento dei colletti bianchi del clan.

Si tratta del processo contro funzionari di Rete Ferroviaria Italiana (RFI) accusati di favorire ditte colluse in cambio di denaro e regali. Il processo, nato dalle indagini della Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli, ha portato a 35 arresti nel maggio del 2022 e coinvolge complessivamente 69 indagati per gravi reati, tra cui associazione camorristica, estorsione, corruzione e riciclaggio.



Anche se non è direttamente coinvolto come imputato, la collaborazione di Schiavone potrebbe influenzare il caso, soprattutto per quanto riguarda il ruolo del 70enne Nicola Schiavone, considerato il suo storico prestanome. Nicola Schiavone è tra gli imputati per associazione camorristica in un processo che ha preso avvio nel dicembre scorso al tribunale di Santa Maria Capua Vetere.

La prossima udienza del processo è prevista per il 3 aprile, e si attendono sviluppi significativi, inclusi i primi contributi di Schiavone come collaboratore di giustizia, che potrebbero essere cruciali per incriminare Nicola Schiavone e, forse, individuare il tesoro nascosto dei Casalesi.

Nicola Schiavone, amico di lunga data di Sandokan, è stato sempre considerato un elemento chiave nella rete di relazioni del clan, sebbene non abbia mai subito condanne significative. Tuttavia, la sua presunta connessione con il mondo criminale è stata oggetto di indagini e processi nel corso degli anni.

Anche se le accuse contro Nicola Schiavone nel processo RFI sono gravi, alcune fasi del procedimento hanno registrato battute d’arresto per la Procura, con esclusioni di gravi indizi di associazione camorristica. Inoltre, il giudice per l’udienza preliminare di Napoli ha recentemente assolto Nicola Schiavone da accuse di riciclaggio e intestazione fittizia di beni, smontando un importante tassello dell’inchiesta anticamorra.

Secondo il giudice, non vi sarebbe stata alcuna prova di un coinvolgimento economico-criminale tra Nicola Schiavone e Francesco Schiavone, ma piuttosto un legame basato su motivi di riconoscenza per l’aiuto ricevuto negli anni ’70, quando Francesco Schiavone trasferì loro le sue aziende.

Mentre alcuni imputati nel processo RFI hanno già ricevuto condanne, il destino di Nicola Schiavone rimane incerto. La collaborazione di Sandokan potrebbe ora modificare radicalmente la dinamica del processo, aprendo nuove prospettive e gettando luce su vecchi misteri.


Torna alla Home

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui


La Giunta comunale ha dato il via libera ai lavori di messa in sicurezza di un settore delle gradinate della Curva B inferiore dello stadio Maradona. Questa decisione è stata presa in seguito al riscontro di alcuni avvallamenti dei gradoni, che hanno evidenziato la necessità di interventi urgenti. Il progetto...
Il Giudice dell'Udienza Preliminare di Salerno ha emesso una condanna di due anni e dieci mesi di reclusione per Salvo Gregorio Mirarchi, 32 anni di Montepaone. Mirarchi è stato ritenuto responsabile delle minacce di morte contenute in una lettera inviata nel gennaio del 2023 alla Procura della Repubblica di Catanzaro,...
Il Barcellona non accetta la sconfitta nel "Clasico" contro il Real Madrid e si prepara a chiedere la ripetizione della partita persa ieri per 3-2. La decisione è stata presa in seguito al controverso gol fantasma di Lamine Yamal, un episodio che potrebbe aver cambiato le sorti del match. Il...
Il Napoli, tra un risultato deludente e l'altro, ha ripreso oggi nel pomeriggio gli allenamenti presso l'SSCN Konami Training Center di Castel Volturno in preparazione del prossimo match di campionato contro la Roma, in programma domenica allo Stadio Maradona alle 18:00. I giocatori si sono concentrati sul campo 2, iniziando...

IN PRIMO PIANO