Cure negate al boss di Secondigliano: protesta dei detenuti a Genova

SULLO STESSO ARGOMENTO

Una protesta molto rumorosa è scoppiata ieri sera, dalle 23:30 per oltre un’ora, nel reparto ‘Alta Sicurezza’ del penitenziario di Marassi a Genova.

Circa cinquanta detenuti appartenenti al Circuito ‘Alta Sicurezza’, per reati quali mafia e traffico di droga, hanno picchiato stoviglie e pentole contro le grate e le porte delle celle. Il personale della Polizia Penitenziaria è riuscito a mantenere la situazione sotto controllo.

Fabio Pagani, Segretario Regionale della Uil Pa Penitenziari, ha comunicato l’accaduto, sottolineando le condizioni particolari della struttura e le motivazioni della protesta, tra cui la presunta mancata assistenza sanitaria a un detenuto trasferito da Secondigliano, appartenente a un clan camorristico di rilievo.



    Pagani ha evidenziato che la situazione a Marassi è tutto fuorché ottimale o normale, con una sovraffollamento significativo rispetto alla capienza prevista. Ha inoltre espresso solidarietà al personale di Marassi e della Liguria, mentre ha criticato le decisioni delle Direzioni penitenziarie che sembrano penalizzare il personale attraverso giudizi annuali negativi, anziché motivarlo e supportarlo in un momento così difficile per il sistema penitenziario.

    La situazione di Marassi “non può definirsi ottimale, nemmeno normale”, ha spiegato Pagani. “Rispetto alla capienza regolamentare di 456 detenuti, sono ristretti circa 700 detenuti. Credo che la situazione di Marassi rappresenti una delle criticità più manifeste e ritengo poter collocare il sistema penitenziario ligure tra i punti di caduta più evidenti del disastrato panorama nazionale”.

    “La scala di priorità delle questioni che richiedono ‘urgenti interventi’ fatta dal Presidente Mattarella, e cioè organici, sovraffollamento e assistenza sanitaria, è anche la nostra e da tempo chiediamo inascoltati al Ministro della Giustizia, Carlo Nordio, e alla premier, Giorgia Meloni, di aprire un tavolo di confronto serrato per individuare soluzioni percorribili. Ora auspichiamo che vogliano ascoltare il Capo dello Stato”, conclude Pagani.


    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui


    Nocera Superiore, pusher arrestato con crack e cocaina

    Ancora un arresto eccellente per la Guardia di Finanza di Salerno nell'ambito delle attività di controllo del territorio. I finanzieri della Compagnia di Cava de' Tirreni hanno infatti arrestato un noto pusher a Nocera Superiore. L'operazione è avvenuta nei giorni scorsi. I militari, a seguito di un'attenta attività di monitoraggio,...

    Napoli, al Cardarelli espiantato il cuore a un paziente di 75 anni

    L'ospedale Cardarelli, in occasione della giornata nazionale per la donazione degli organi, ha annunciato di aver espiantato il cuore di un paziente settantacinquenne per trapiantarlo con successo in un uomo cinquantenne in lista d'attesa. Questo eccezionale trapianto si è distinto per la generosità della famiglia del donatore e per l'abilità...

    Villa Literno, ai domiciliari scappa per spacciare cocaina: arrestato

    Era sotto regime di arresti domiciliari per reati legati allo spaccio di sostanze stupefacenti e aveva il permesso di recarsi al lavoro presso un'azienda agricola locale dal lunedì al sabato, dalle 07:30 alle 16:30, previa notifica giornaliera ai Carabinieri. Come di consueto, anche ieri mattina il 46enne di Villa Literno,...

    Secondigliano, aggredisce e minaccia la moglie con un palo di ferro: arrestato

    Napoli - Un uomo di 48 anni è stato arrestato dalla Polizia di Stato a Secondigliano per maltrattamenti in famiglia. L'uomo ha aggredito e minacciato la moglie con un palo di ferro, sfondando anche la porta di ingresso della loro abitazione. L'episodio è avvenuto ieri pomeriggio. La donna, in forte...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE