Al via undicesimo bando Premio Nazionale ‘Amato Lamberti’

SULLO STESSO ARGOMENTO

Pubblicato oggi il bando di partecipazione all’undicesima edizione del Premio nazionale ‘Amato Lamberti’, istituito dal Centro studi Associazione culturale ‘Amato Lamberti’ presieduto da Roselena Glielmo per continuare idealmente e concretamente l’opera del sociologo Amato Lamberti, esempio di intellettuale che seppe tradurre i risultati della sua intensa attività di studioso nell’impegno politico antimafia.

La mission del Premio nazionale ‘Amato Lamberti’ è quella di “contribuire a formare giovani studiosi in grado di elaborare analisi che facciano progredire il contrasto alla criminalità organizzata, in Italia e nel mondo”. Il Bando 2024, come avvenuto nelle precedenti edizioni, assegnerà tre premi da 1.000 euro ciascuno per tesi di Laurea Magistrale e per tesi di Dottorato che riguardino i temi della criminalità organizzata, dei traffici criminali, dei reati ambientali, della criminalità digitale, della corruzione e delle economie illegali, delle vittime delle mafie e delle violenze, anche condotte con metodo etnografico e/o con ausilio di strumenti audiovisuali.

Potranno essere proposti lavori di tesi limitate di laurea Magistrale e di Dottorato, elaborati in qualsiasi Università italiana o, per livelli equipollenti, estera. Saranno accettate solo le tesi discusse nell’ultimo triennio (dal 2021 in poi) in lingua italiana e inglese e che non siano già state proposte nelle edizioni precedenti del Premio Lamberti. I partecipanti dovranno far pervenire l’elaborato entro il 06 maggio 2024, esclusivamente, in formato PDF tramite e-mail all’indirizzo [email protected] specificando che l’opera concorre al “Premio Nazionale Amato Lamberti”.



    Il conferimento del Premio sarà deliberato dalla Commissione Scientifica, dal Presidente dell’Associazione ‘Amato Lamberti’, Roselena Glielmo, dal Presidente del Premio nazionale Nino Daniele e dal Presidente onorario Franco Roberti, già Procuratore Nazionale Antimafia. La proclamazione del vincitore e la consegna del premio avverrà in seduta pubblica a Napoli, il 19 giugno 2024. Oltre al Premio nazionale, il Centro studi Associazione culturale ‘Amato Lamberti’ organizzerà una serie di eventi culturali e di formazione che toccheranno vari territori della Città metropolitana di Napoli.


    Articolo offerto da Emmerre Auto - Torre del Greco
    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui


    Salerno, picchia la compagna e la sorella: arrestato 42enne

    Un uomo di 42 anni è stato arrestato dai carabinieri a Santa Marina, provincia di Salerno, per aver maltrattato la compagna e la sorella di quest'ultima. Durante una lite in casa, l'uomo ha picchiato la compagna di 43 anni, causandole diverse contusioni, e ha aggredito anche la sorella della donna,...

    Avellino, banditi fanno esplodere il bancomat di Bper

    Colpo dei bombaroli del bancomat ad Avellino. Ignoti stamane poco prima che albeggiasse hanno fatto esplodere un ordigno allo sportello bancomat esterno della Bper di Corso Kennedy E' accaduto intorno alle 5.10. Il forte fragore e l'allarme non hanno fatto desistere i banditi dal portare a termine il loro colpo....

    Arzano, ladri scassinano il Gio’s drink: il titolare pubblica il video

    Arzano - Ladri a volto scoperto sfidano lo Stato e derubano il “Gio’s drink” h24 di via Napoli. Commerciante per protesta pubblica i video sui sociali. Ancora assalti, ancora furti che non sembrano minimente fermarsi in una città ormai fuori controllo. L’amara sorpresa la mattina presto quando arrivando davanti all’ingresso,...

    Napoli, danni all’auto di don Luigi Merola: “La camorra ci vuole sfrattare”

    Vetro dell'auto distrutto e lampeggiante rubato: questa mattina don Luigi Merola ha trovato la sua auto di servizio danneggiata. Il sacerdote, da anni impegnato nella lotta alla camorra, ha denunciato l'accaduto sulla pagina Facebook della sua fondazione "'A voce d'e creature". Un messaggio intimidatorio? Secondo don Merola, l'episodio è da...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE