Pendolari Circum firmano appello a De Luca e Di Bari su discriminazione

SULLO STESSO ARGOMENTO

Da giorni, i viaggiatori della Circumvesuviana denunciano l’impossibilità di salire su treni diretti ai comuni del Vesuvio durante gli orari di punta a causa della sovraffollamento.

“Siamo stanchi di essere considerati viaggiatori di serie B”, hanno affermato, mentre condividono foto di passeggeri ammassati l’uno all’altro sulla linea Napoli-Torre Annunziata.

I pendolari hanno inoltrato una lettera appello al governatore De Luca, al prefetto di Napoli Michele Di Bari, ai sindaci dei comuni vesuviani e persino all’arcivescovo di Napoli Mimmo Battaglia. Recentemente, hanno espresso il loro disappunto riguardo alla decisione di Eav di far viaggiare i treni della Circumvesuviana solo in direzione Sorrento la Domenica di Pasqua.



    A partire dalle 14:00, non ci sarà servizio e dopo le 16:00 non sarà possibile raggiungere nessuna altra destinazione da Napoli, inclusa Ercolano, nonostante il suo parco archeologico sia una destinazione popolare per i turisti. “Da oltre dieci anni, senza sosta, si susseguono tagli dell’offerta e aumento dei disservizi sulle linee ferroviarie della ex Circumvesuviana, attualmente gestite da Eav”, hanno scritto Enzo Ciniglio, Salvatore Ferraro e Marcello Fabbrocini.

    Secondo i rappresentanti dei pendolari, la situazione è peggiorata con la mancanza di treni. Questo ha esacerbato la “discriminazione”, favorendo la linea di Sorrento a spese di tutte le altre.

    Inoltre, accusano la dirigenza Eav di prepararsi a ulteriori tagli discriminatori da giugno a settembre, senza alcun riguardo per i territori, i viaggiatori e i pendolari che spesso pagano abbonamenti annuali in anticipo.

    Tuttavia, Eav ha sostenuto in una nota recente che non ci sarebbe alcuna discriminazione. I pendolari difendono il loro punto di vista mettendo in evidenza che coloro che vivono nell’entroterra del Vesuvio e nel Nolano sono privati della possibilità di arrivare a Napoli prima delle 7 e di andarsene dopo le 20.

    Risultato: una mobilità ridotta che porta spesso ad una rinuncia del lavoro o alla necessità di utilizzare mezzi privati con costi aggiuntivi sia economici che ambientali. I pendolari affermano che “Eav non paga questo scippo di diritti, né il suo debito decennale con i viaggiatori.”


    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui


    La Giunta comunale ha dato il via libera ai lavori di messa in sicurezza di un settore delle gradinate della Curva B inferiore dello stadio Maradona. Questa decisione è stata presa in seguito al riscontro di alcuni avvallamenti dei gradoni, che hanno evidenziato la necessità di interventi urgenti. Il progetto...
    Il Giudice dell'Udienza Preliminare di Salerno ha emesso una condanna di due anni e dieci mesi di reclusione per Salvo Gregorio Mirarchi, 32 anni di Montepaone. Mirarchi è stato ritenuto responsabile delle minacce di morte contenute in una lettera inviata nel gennaio del 2023 alla Procura della Repubblica di Catanzaro,...
    Il Barcellona non accetta la sconfitta nel "Clasico" contro il Real Madrid e si prepara a chiedere la ripetizione della partita persa ieri per 3-2. La decisione è stata presa in seguito al controverso gol fantasma di Lamine Yamal, un episodio che potrebbe aver cambiato le sorti del match. Il...
    Il Napoli, tra un risultato deludente e l'altro, ha ripreso oggi nel pomeriggio gli allenamenti presso l'SSCN Konami Training Center di Castel Volturno in preparazione del prossimo match di campionato contro la Roma, in programma domenica allo Stadio Maradona alle 18:00. I giocatori si sono concentrati sul campo 2, iniziando...

    IN PRIMO PIANO