L'ANALISI

Pagelle Napoli Torino: Politano vivace, Kvara il migliore. Osimhen spento

SULLO STESSO ARGOMENTO

Meret: 6,5. Chiamato in causa pochissime volte, la prima alla mezz’ora: super parata in tuffo su Zapata. Può poco e nulla sulla rovesciata da due passi di Sanabria: tocca anche il pallone, che si spegne ugualmente in rete.

PUBBLICITA

Di Lorenzo: 6. Una serie di cross interessanti dalla destra in avvio, buona l’asse con Politano. Si spegne lentamente e offensivamente è sempre meno influente nella ripresa.

Ostigard: 6. Molto utile nei duelli aerei, sia in difesa sia in avanti, dove con una serie di sponde e colpi di testa interessanti prova a seminare il panico.

Juan Jesus: 6. Non perfetto in alcune situazioni, ammonito a metà primo tempo, meglio in altre. Contiene bene Zapata nelle poche sortite dei granata in avanti.

Mario Rui: 6,5. Difensivamente qualche sbavatura, ma in avanti l’asse con Kvara è ancora calda e ricorda quella dei bei tempi: la giocata e il cross che portano al gol sono di pregevole fattura (dall’80’ Olivera: sv).

Anguissa: 5,5. Poca roba, il Toro spesso e volentieri salta il centrocampo con facilità e in avanti mette meno qualità del solito.

Lobotka: 6. Pochi varchi, il Napoli comunque fa girare bene il pallone e crea tante situazioni pericolose (dal 92′ Lindstrom: sv).

Zielinski: 5. Qualche disattenzione e una generale sensazione di un giocatore che cammini in campo, come nel malinteso con Lobotka che a metà primo tempo libera Zapata al tiro e costringe Meret al miracolo (dal 67′ Traorè: 6).

Politano: 7. Per larghi tratti del primo tempo l’uomo più pericoloso, tante giocate e due palle al bacio per Kvara che però spreca. Anche ad inizio ripresa gli spunti più interessanti nascono dai suoi piedi (dal 67′ Raspadori: 6).

Osimhen: 5. Ingaggia sin dai primi minuti un bel duello con Buongiorno che il difensore italiano stravince, usando anche in qualche circostanza le maniere forti. Dà a sportellate, prova a rendersi utile ma di concreto sono poche le occasioni da lui create.

Kvaratskhelia: 7. Il grande rimpianto in avvio dell’occasione a tu per tu con Milinkovic-Savic sprecata, ma dopo è un assolo del georgiano. Occasioni su occasioni, la rete del vantaggio, una traversa e una serie di botte terrificanti dalla distanza che fanno tremare la difesa granata.


Torna alla Home

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

LEGGI ANCHE

Prossima Partita

Classifica

IN PRIMO PIANO

Ultime Notizie