Napoli, morto per trasfusione di sangue infetto: Ministero condannato a risarcire oltre un milione di euro

SULLO STESSO ARGOMENTO

Il Ministero della Salute è stato condannato dal Tribunale di Napoli, sezione distaccata di Casoria, a risarcire oltre un milione di euro alla famiglia di un uomo morto a causa di una trasfusione di sangue infetto.

Nel 1985, D.L., un uomo di 47 anni di Mugnano di Napoli, fu sottoposto a una trasfusione di sangue presso il CTO di Napoli a seguito di una frattura al femore.

Nel 2000, D.L. scoprì di essere affetto dal virus dell’epatite C. Morì nel 2015 a causa di complicanze legate alla cirrosi epatica. La famiglia di D.L. ha sostenuto che l’epatite C fosse stata contratta a causa della trasfusione di sangue infetto.

    Il Tribunale ha accolto la tesi della famiglia e ha condannato il Ministero della Salute a pagare: 171mila euro alla moglie e ai figli di D.L. per il danno iure hereditario; 195mila euro per il danno biologico terminale e il danno catastrofale. Il totale del risarcimento ammonta a oltre un milione di euro, oltre alle spese legali.

    La famiglia di D.L. si è detta soddisfatta della sentenza.L’avvocato Piervittorio Tione, che ha assistito la famiglia, ha spiegato che la sentenza rappresenta un importante riconoscimento del diritto al risarcimento dei danni per le vittime di trasfusioni di sangue infetto.

    Per il legale della famiglia della vittima, “anche se la causa non può riportare il loro caro alla vita, conferma ancora una volta la grave e esclusiva responsabilità dello Stato per le numerose morti causate da sangue infetto. Ora, vinta la causa, il compito più difficile è spingere il Ministero a corrispondere il risarcimento in modo tempestivo”.



    LIVE NEWS

    Don Patriciello: “De Luca non mi ha dato la mano, ma l’avrei ignorato”

    Alla domanda se il governatore della Campania lo abbia...
    DALLA HOME

    Tragedia in Valtellina: morti tre giovani finanzieri

    Tragedia in Valtellina: 3 giovani finanzieri del Sagf perdono la vita durante un'esercitazione in montagna. Un'esercitazione di addestramento si è trasformata in tragedia questa mattina in Valtellina, dove tre giovani militari del Soccorso Alpino della Guardia di Finanza (Sagf) hanno perso la vita precipitando da una parete rocciosa. I tre alpini,...

    ULTIME NOTIZIE

    TI POTREBBE INTERESSARE