SERIE A

Sussulto Napoli a San Siro: strappa un punto all’Inter nel finale

SULLO STESSO ARGOMENTO

Sussulto del Napoli a San Siro. Gli azzurri di Calzona, dopo l’eliminazione dalla Champions League per mano del Barcellona, strappano un punto a San Siro all’Inter capolista. Dopo la rete del vantaggio firmata Darmian a fine primo tempo, una rete di Juan Jesus nel finale vale il definitivo 1-1.

PUBBLICITA

Simone Inzaghi conferma il 3-5-2. In porta Sommer, davanti a lui la linea difensiva formata da Pavard, Acerbi e Bastoni. A centrocampo Darmian, Barella, Calhanoglu, Mkhitaryan e Dimarco, mentre in avanti Thuram e Lautaro Martinez riformano ancora una volta il duo d’attacco nerazzurro.

Dall’altro lato, Calzona è costretto a lasciare fuori Victor Osimhen dall’undici iniziale e schiera Raspadori punta centrale nel 4-3-3. A supportare l’attacco Politano e Kvaratskhelia, con Meret in porta. La difesa è affidata a Di Lorenzo, Rrahmani, Juan Jesus e Olivera, mentre il trio di Anguissa, Lobotka e Traoré prende le redini del centrocampo.

L’Inter domina e la sblocca al 44′: segna Darmian, Napoli sotto

E’ l’Inter a fare la partita, come prevedibile: dopo qualche minuto di studio tra le due squadre arrivano le prime occasioni della gara e sono di fattura nerazzurra. Al 13′ Meret è costretto ad una doppia parata, prima su Darmian in tuffo e poi su Lautaro Martinez sul tap-in: Barella calcia alto al terzo tentativo.

I nerazzurri fanno la partita ma le occasioni comunque non sono nitidissime: al 26′ Thuram subisce un fallo da rigore di Rrahmani, ma è tutto fermo per fuorigioco. Gli azzurri provano a sbloccarsi con qualche ripartenza, nonostante una manovra non pulita: al 36′ ammonito Pavard che ferma irregolarmente Kvaratskhelia lanciato verso la porta in velocità.

Proprio in chiusura di primo tempo arriva la beffa: Inter in vantaggio. Giro palla al limite dell’area, il pallone arriva sulla sinistra a Bastoni che con un cross basso trova Darmian all’altezza del dischetto da rigore: conclusione di prima e palla in rete per l’1-0 dei padroni di casa. Si va a riposo così.

L’Inter non la chiude e il Napoli pareggia con Juan Jesus

Avvio di ripresa forte degli uomini di Inzaghi: Lautaro prima e Dimarco poi da fuori chiamano Meret a due interventi importanti. Squillo del Napoli poco dopo con Kvara, ma il tiro a giro da fuori del georgiano è facile preda per Sommer, che blocca. Dopo qualche minuto positivo degli azzurri torna pericoloso l’Inter: Juan Jesus si immola su un tiro a botta sicura di Barella.

Il Napoli però c’è e con pazienza trova qualche occasione: spunto di Traorè che salta un avversario e prova da fuori, palla alta. All’81’ Simeone stacca di testa su cross di Politano, buona parata di Sommer. Un minuto più tardi, ecco la rete: corner di Politano, spizzata di un difensore dei nerazzurri e sul secondo palo c’è Juan Jesus che non può sbagliare e insacca il pari a porta vuota.

Il finale è acceso: il Napoli reclama una seconda ammonizione a Bastoni, l’Inter chiede a gran voce invece un rigore per fallo di Rrahmani su Thuram. In entrambi i casi La Penna lascia giocare. Qualche brivido ma nessuna chance pericolosa nei 3′ di recupero: finisce 1-1 a San Siro.



Torna alla Home

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Subito al lavoro per costruire il futuro. Giovanni Manna, il nuovo direttore sportivo del Napoli, è arrivato oggi a Castel Volturno per iniziare la ricostruzione dopo una stagione disastrosa. L'obiettivo è chiaro: tornare a lottare per i vertici della classifica e riconquistare l'Europa. Questa...

Prossima Partita

Classifica

IN PRIMO PIANO

Ultime Notizie

Raspadori: “Il mio gol più bello a Torino contro la Juventus, emozioni indimenticabili”

Prosegue il progetto di Betsson Sport con le video interviste ai giocatori del Napoli, e oggi è il turno di Giacomo Raspadori, l'attaccante che ha conquistato il cuore degli appassionati di calcio grazie alle sue prestazioni in campo e alla sua partecipazione alla vittoria dell'Europeo nel 2021 con la nazionale italiana. Raspadori, sempre brillante sia sul campo che davanti alle...