Report Polizia: Intimidazioni ai giornalisti in calo nel 2023

SULLO STESSO ARGOMENTO

Il Servizio di analisi criminale della Direzione centrale della polizia criminale ha presentato il report “Atti intimidatori nei confronti di giornalisti” nel 2023. Il report evidenzia un calo del 11,7% dei casi rispetto al 2022, con 98 episodi contro i 111 dell’anno precedente.

Le caratteristiche degli episodi:

12 casi (12,2%) riconducibili a contesti di criminalità organizzata.
40 casi (40,8%) riconducibili a contesti politico-sociali.
30 casi (30,6%) avvenuti tramite canali web, in linea con il 2022.
Facebook (13 episodi) e le e-mail (8 episodi) i mezzi più utilizzati online.

    Le regioni più colpite sono Lazio, Lombardia, Campania, Calabria e Sicilia con 68 episodi (69,4% del totale).

    Le città più colpite invece sono Roma (17 episodi), Milano (15 episodi), Reggio Calabria (8 episodi) eNapoli (6 episodi).

    Le vittime: 92 professionisti dell’informazione, di cui 21 donne (22,8%) e 71 uomini (77,2%). L’8% delle segnalazioni riguarda intimidazioni a sedi giornalistiche o troupe.

    In alcuni casi non è stata presentata denuncia-querela. Il calo del numero di intimidazioni è un dato positivo. La criminalità organizzata e le tensioni politico-sociali rimangono però una minaccia per la libertà di stampa. La collaborazione tra giornalisti e forze dell’ordine è fondamentale per contrastare questo fenomeno.

    Il Progetto Osce:

    Il report è stato presentato nell’ambito del meeting dei Focal Points nazionali del Progetto Osce sulla sicurezza dei giornalisti.
    Il progetto si impegna a promuovere la sicurezza dei giornalisti e a contrastare l’impunità dei crimini contro di loro.

    Informazione e sensibilizzazione:

    È importante informare e sensibilizzare l’opinione pubblica su questo tema.
    La libertà di stampa è un pilastro della democrazia e va difesa.


    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!

    Per favore inserisci il tuo nome qui

    DALLA HOME

    Femminicidio Anna Scala: Comune di Piano di Sorrento parte civile

    Femminicidio Anna Scala:il Comune di Piano di Sorrento ha deliberato di costituirsi parte civile nel processo per il femminicidio di Anna Scala, la donna uccisa il 17 agosto 2023 a Piano di Sorrento. L'udienza preliminare si terrà nei prossimi giorni presso il Tribunale di Torre Annunziata. "La decisione di costituirci...

    LEGGI ANCHE

    CRONACA NAPOLI