Aggressione a personale sanitario da parte di una guardia giurata a Boscotrecase

SULLO STESSO ARGOMENTO

L’associazione “Nessuno tocchi Ippocrate” ha denunciato un grave episodio di aggressione ai danni del personale sanitario del 118 avvenuto all’ospedale di Boscotrecase, in provincia di Napoli.

La situazione è diventata sempre più critica, con frequenti casi di operatori sanitari oggetto di aggressioni verbali e fisiche. Nel comunicato diffuso attraverso i canali social dell’associazione, si descrive l’accaduto avvenuto in una notte di sabato, quando un’ambulanza è stata chiamata per un’emergenza a Boscotrecase.

Durante l’intervento, un astante ha iniziato a minacciare e insultare il personale sanitario, accusandoli ingiustamente e arrivando a tentare un’aggressione fisica, venendo per fortuna fermato dagli altri presenti.

    La situazione è diventata ancora più sconcertante quando è emerso che l’aggressore si è qualificato come guardia giurata di un ospedale locale.

    Le aggressioni al personale medico e sanitario sono sempre più frequenti, mettendo in pericolo coloro che lavorano per salvare vite umane. L’associazione ha risposto al tentativo di giustificazione dell’aggressore, sottolineando la tempestività dell’intervento e la necessità di un trasporto lento per evitare ulteriori danni al paziente.

    Atti di violenza come questo mettono in luce la grave situazione di pericolo in cui si trovano spesso gli operatori della sanità, che dovrebbero essere tutelati e difesi anziché attaccati durante l’espletamento del loro lavoro quotidiano.



    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    telegram

    LIVE NEWS

    Investito e ucciso da un treno alla stazione di Aversa

    Una persona è stata investita da un treno sui binari della stazione di Aversa, nel casertano, intorno alle 17:30 di oggi. Sul posto sono intervenute le forze dell'ordine e il personale del 118, che non ha potuto far altro che constatare il decesso. Si indaga sulle cause dell'incidente: al vaglio un...

    Camorra, assoluzione piena per i fratelli Diana: “Il fatto non sussiste”

    Assoluzione con formula piena - "il fatto non sussiste" - per i fratelli Antonio Diana e Nicola Diana, figli di Mario Diana, vittima innocente della criminalità organizzata. I due erano sotto processo a Santa Maria Capua Vetere con l'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa. Il tribunale, presieduto dal giudice...

    CRONACA NAPOLI