LA DENUNCIA

L’oncologo Ascierto: “Al Maradona sputi contro di me per la mia fede juventina”

SULLO STESSO ARGOMENTO

“Ero presso i gate quando un tifoso, approssimativamente della mia stessa età, mi ha sputato addosso. Sì, ha sputato sulla mia fede juventina, dopo essermi gentilmente ceduto il passo per farmi entrare, facendomi credere di volermi fare un favore. “Passate, professore”, mi ha detto. Ho risposto con un sorriso e sono passato, solo per rendermi conto in seguito che mi sputava ai piedi, segno di disprezzo”. Il professor Paolo Ascierto, noto oncologo dell’Istituto per la cura dei Tumori ‘Pascale’ di Napoli e massimo esperto nella cura del melanoma, nonché uno dei protagonisti principali nella lotta contro il Covid, ha condiviso questa sgradevole esperienza sulla sua pagina Facebook.

Ascierto, da sempre apertamente juventino pur amando profondamente la città di Napoli, ha raccontato l’incidente vissuto la sera prima della partita Napoli-Juventus. Il professore ha dichiarato di non essere inizialmente intenzionato a partecipare alla partita, ma è stato persuaso da un amico.

Anche se stanco, ha portato con sé al Maradona anche suo figlio, anch’esso juventino. Dopo l’incidente, Ascierto si è detto molto turbato e ha riflettuto sulla decisione di non aver guardato la partita comodamente da casa. Nonostante l’atto offensivo, Ascierto ha evitato una reazione, preferendo non disturbare il suo figlio Luca, anch’esso juventino. Tuttavia, ha concluso con un’espressione di frustrazione e amarezza nei confronti dell’episodio spiacevole.



Torna alla Home

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

telegram

LIVE NEWS

6 tonnellate di sigarette di contrabbando sequestrate a Cardito, 3 arresti

I Finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Caserta, nell'ambito di un'operazione coordinata dalla Procura della Repubblica di Aversa, hanno sequestrato circa 6 tonnellate di sigarette di contrabbando e arrestato tre persone a Cardito (Napoli). L'attività investigativa è scaturita da un controllo effettuato il 31 gennaio scorso a Quarto (Napoli),...

“Casa Domenico Noviello”: un centro per donne vittime di violenza a Casal di Principe

Un centro per donne vittime di violenza sorgerà a Casal di Principe, all'interno di un bene confiscato al clan Setola. La struttura, intitolata a Domenico Noviello, medaglia d'oro al valor civile ucciso dalla camorra per aver denunciato il pizzo, rappresenta un simbolo di riscatto e legalità per la città. L'immobile...

CRONACA NAPOLI