Ariano Irpino, l’Osapp denuncia: “Ancora aggressioni in carcere”

SULLO STESSO ARGOMENTO

Escalation di aggressioni ai danni dei Poliziotti penitenziari nel carcere di Ariano Irpino.

È l’ennesima denuncia del sindacato di polizia penitenziaria Osapp che ha annunciato per il giorno 12 marzo una visita negli istituti avellinesi di Ariano Irpino e Avellino da parte del segretario generale Leo Beneduci congiuntamente al segretario regionale Vincenzo Palmieri.

“Ci sono ingenti danni che oramai non si contano più’, ciò nonostante i vertici regionali della Campania d del DAP benché’ i nostri ripetuti appelli formulati in tutte le lingue del mondo continuano a trasferire verso quella struttura, laddove la carenza del personale la fa da padrone, utenti di difficile gestione in un istituto dove oramai il sovraffollamento rende deficitario il trattamento e mina la sicurezza interna ed esterna”, denuncia l’Osapp.



    E poi si racconta: “Oramai gli eventi critici si susseguono, nella giornata di ieri un detenuto dell’ottava sezione ha dapprima con una scusa attirato la propria attenzione di un agente  in servizio verso la camera detentiva dov’è era ristretto per poi sferrargli un pugno al volto attraverso il cancello.

    Qualche giorno fa un altro detenuto ha provato ad aggredire la psicologa, fortunatamente bloccato in tempo dalla prontezza dei pochi agenti; ancora, la scorsa settimana un altro detenuto ristretto nella 2 sezione ex art 32 O.P. ha distrutto con violenza la propria camera detentiva allagando l’intero reparto procurando interruzioni di attività.

    Ciò nonostante il provveditorato di napoli continua ad assegnare utenti che già in altre realtà hanno procurato disordini e aggressioni ignorando che Ariano Irpino e al collasso. La visita del 12 marzo sarà eseguita per appurare nuovamente lo status quo in cui sono costretti a vivere i poliziotti penitenziari e sollecitare contromisure e interventi urgenti per la gestione di particolari utenti, carenze strutturali e strumentali, sanità’ fallimentare, organici oramai ridotti all’osso, tenuto conto età avanzata del personale di Polizia e prossimi pensionamenti e del comparto funzioni centrali, tutto ciò procura compressione dei diritti”.


    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui


    Piedimonte Matese, 48enne arrestato per ricettazione e truffa aggravata

    Un uomo di 48 anni è stato arrestato dai Carabinieri a Piedimonte Matese per ricettazione e truffa aggravata. L'ordine di carcerazione è stato eseguito in seguito a una sentenza della Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere. L'arresto è avvenuto dopo che l'uomo è stato individuato e raggiunto dai...

    Cento giorni alle Olimpiadi di Parigi 2024: da Tamberi a Dell’Aquila, gli azzurri già qualificati

    Con l'avvicinarsi dei Giochi Olimpici di Parigi 2024, l'Italia si prepara a raggiungere l'ambizioso obiettivo di replicare il successo delle quaranta medaglie conquistate a Tokyo 2020. Tuttavia, per raggiungere questo traguardo, sarà fondamentale ottenere un numero considerevole di qualificati in diverse discipline. Tra le notizie recenti, è emerso che il...

    Ndicka, Malagò: “Bene il comportamento di tutti”. Ulivieri: “C’è ancora qualcosa di umano”

    La vicenda di Evan N'Dicka, il giocatore della Roma colpito da malore durante il match con l'Udinese, ha suscitato una reazione unanime di apprezzamento da parte delle istituzioni sportive italiane. Il presidente del Coni, Giovanni Malagò, ha elogiato il gesto di solidarietà e responsabilità manifestato da allenatori, squadre, arbitro...

    Napoli, cittadino dello Sri Lanka ridotto in fin di vita: fermato un connazionale

    I carabinieri della stazione di Capodimonte hanno messo in stato di fermo un cittadino dello Sri Lanka di 24 anni, sospettato di essere coinvolto nel caso di tentato omicidio ai danni di un connazionale di 31 anni. Le indagini condotte dai carabinieri insieme ai militari del nucleo operativo della compagnia...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE