Napoli, la famiglia di donna deceduta in ospedale ottiene risarcimento, ma ricorre in appello contro la Regione Campania

SULLO STESSO ARGOMENTO

I familiari di un’82enne deceduta in ospedale nel 2015 a Napoli hanno ottenuto un risarcimento di quasi 210mila euro dal Tribunale Civile, ma hanno deciso di ricorrere in appello per chiedere l’accertamento della responsabilità della Regione Campania.

La vicenda:

Il 23 marzo 2015, l’anziana donna cadde in casa, procurandosi una sospetta frattura. I familiari chiamarono il 118, ma l’ambulanza – secondo la loro denuncia – arrivò con notevole ritardo, senza medico e senza attrezzature di rianimazione.



    Il ricovero e il decesso:

    L’82enne venne trasportata in un ospedale di Napoli, dove i sanitari diagnosticarono diverse fratture e problematiche polmonari. Fu ricoverata in chirurgia d’urgenza e poi trasferita in rianimazione, dove morì poco dopo le 20.

    La condanna dell’ospedale e il ricorso contro la Regione:

    Il Tribunale Civile ha condannato l’ospedale per il decesso della donna, ma i familiari, assistiti dagli avvocati Alessandro Milo e Amedeo Di Pietro, hanno deciso di ricorrere in appello.

    Le motivazioni del ricorso:

    I familiari ritengono che anche la Regione Campania sia responsabile del decesso, in quanto “titolare del Servizio sanitario nazionale sul territorio regionale, del livello qualitativo del servizio, oltre che in particolare della gestione ed organizzazione del servizio 118”. Secondo i ricorrenti, il ritardo e le carenze del soccorso avrebbero concorso a provocare la morte della donna.

    La richiesta di accertamento:

    I familiari chiedono quindi alla Corte d’Appello di accertare la responsabilità della Regione Campania e di quantificare il risarcimento del danno.

    Un caso che evidenzia le criticità del sistema sanitario:

    La vicenda della donna deceduta a Napoli pone l’accento sulle criticità del sistema sanitario, in particolare per quanto riguarda i tempi e la qualità del soccorso in caso di emergenza. La decisione dei familiari di ricorrere in appello contro la Regione Campania è un segnale importante per la tutela dei diritti dei cittadini e per il miglioramento del servizio sanitario nazionale.


    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui


    Oroscopo di oggi 18 aprile 2024: le previsioni dello zodiaco segno per segno ARIETE: Oggi potreste sentire un forte bisogno di esprimere le vostre emozioni e i vostri sentimenti. Prendete tempo per riflettere e cercate di trovare un equilibrio tra le vostre necessità e quelle degli altri. TORO: La vostra determinazione...
    Francesco Benigno è stato squalificato dall'Isola dei Famosi dopo meno di una settimana. La produzione del reality ha comunicato la decisione con una nota ufficiale, senza specificare i "comportamenti non consoni e vietati dal regolamento" che hanno portato all'espulsione dell'attore. Benigno, dal canto suo, ha duramente contestato la squalifica sui...
    Un ritorno inaspettato e pieno di emozioni per Dries Mertens, l'ex attaccante del Napoli, che ha fatto visita alla città partenopea insieme alla sua famiglia durante una pausa dai suoi impegni con il Galatasaray. Mertens, che si è trasferito in Turchia nell'estate del 2022, ha colto l'occasione per fare...
    Le indagini sulla presunta partecipazione a scommesse illegali nel calcio hanno portato a conseguenze serie per quattro giocatori, attualmente o ex del Benevento Calcio, che rischiano una squalifica di tre anni. Gaetano Letizia, Francesco Forte, Enrico Brignola e Christian Pastina sono i nomi coinvolti nel caso, che ha scosso...

    IN PRIMO PIANO