Gestione illecita rifiuti, sequestrato autolavaggio a Qualiano

SULLO STESSO ARGOMENTO

I Carabinieri del Nucleo Forestale di Pozzuoli hanno effettuato un controllo in un impianto di autolavaggio di Qualiano al fine di accertare la gestione dei reflui e dei rifiuti prodotti.

A seguito dell’ispezione dell’impianto, è stato accertato che i fanghi della depurazione non venivano rimossi da tempo dalle vasche del depuratore, per cui la depurazione delle acque di lavaggio non avveniva. Inoltre, i militari hanno accertato che la pavimentazione dell’autolavaggio si presentava ammalorata, compromettendo l’impermeabilizzazione e quindi con infiltrazione nel sottosuolo delle acque di lavaggio.

I militari hanno posto sotto sequestro l’attività di autolavaggio in violazione delle norme che regolano il deposito temporaneo dei rifiuti e la gestione illecita degli stessi, oltre alla violazione dell’immissione nel sottosuolo delle acque reflue industriali. Il titolare dell’autolavaggio, un uomo di 54 anni del luogo, è stato denunciato all’autorità giudiziaria.



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui




LEGGI ANCHE

Arrestato a Capodichino boss latitante di Taranto: stava fuggendo in Spagna

Giuseppe Palumbo, un boss latitante di 35 anni della città di Taranto, è stato arrestato dalle forze dell'ordine al momento in cui stava per...

Crollo di Firenze, recuperato il corpo dell’ultimo disperso

Nel cantiere di via Mariti a Firenze, il corpo dell'ultimo disperso è stato recuperato dai vigili del fuoco e successivamente affidato all'autorità giudiziaria per...

Clan Vanella Grassi: morto in carcere il boss Vincenzo Esposito, detto ‘o Porsche

Vincenzo Esposito, noto come ‘o Porsche, boss della Vanella Grassi, è morto in carcere a Parma, dove era detenuto da tempo. Secondo fonti investigative,...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE