Napoli, l’uomo delle 630 auto intestate aveva creato una falsa società

SULLO STESSO ARGOMENTO

Nell’ambito di indagini coordinate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli Nord, i poliziotti del Compartimento Polizia Ferroviaria Campania hanno dato esecuzione ad un’ordinanza emessa dal GIP del Tribunale di Napoli Nord che dispone la misura cautelare della custodia in carcere nei confronti di un soggetto, napoletano di anni 47.

Il destinatario della misura cautelare è gravemente indiziato dei reati di falso in atto pubblico con induzione in errore del pubblico ufficiale e truffa aggravata ai danni dello Stato, reati commessi in concorso con persone allo stato non identificate, con più condotte reiterate negli anni 2020, 2021,2022.

Le indagini sono scaturite dalla particolare attenzione posta dalla Polfer nella repressione del fenomeno dei furti di rame subiti da Rete Ferroviaria Italiana. Nell’ultimo filone di indagine i poliziotti hanno accertato come molti furti fossero riconducibili alla medesima banda di matrice ROM del Campo sito in via Carrafiello località “Ponte Riccio” di Giugliano in Campania: molte delle autovetture utilizzate nei furti sono state infatti rintracciate proprio in quel campo rom. Dal successivo censimento delle autovetture presenti nei principali campi Rom della provincia di Napoli, è emerso poi che la maggior parte delle macchine utilizzate dai rom erano intestate fittiziamente a terze persone, in particolare ad una società dedita alla compravendita di autoveicoli, il cui amministratore unico e legale rappresentante è l’indagato, tratto in arresto.

    Dai successivi accertamenti esperiti alla banca dati ACI è emerso che la società risultava essere intestataria di circa 600 veicoli. L’indagato non presentava dichiarazione dei redditi da 10 anni e annoverava numerosi precedenti di polizia, tra cui furti, truffe, fraudolento danneggiamento di beni assicurati, falsità ideologica in atto pubblico.

    Tutti gli elementi acquisiti supportavano l’ipotesi investigativa che dietro la sua società vi fosse l’attività illecita dell’intestazione fittizia delle autovetture. I successivi accertamenti presso la sede della società hanno consentito di appurare infatti che presso quell’indirizzo non era presente alcun ufficio societario e nessun parco auto. La società in sostanza era stata creata ad hoc per permettere alle persone che vogliano servirsi di autovetture senza intestarsele di risparmiare anche sui costi del passaggio di proprietà e sulle imposte dovute.

    Difatti, le società aventi partita iva finalizzata al commercio delle autovetture godono della possibilità di intestarsi i veicoli effettuando una “mini voltura” (il cosiddetto mini passaggio). Il beneficio principale di questa procedura è l’esenzione dal pagamento dell’IPT (imposta provinciale di trascrizione), con un considerevole risparmio sui costi dell’operazione. Infatti se in media un passaggio di proprietà di una autovettura di media potenza si aggira sui 600,00 euro per la società il costo è di circa 120,00 euro.

    Inoltre tali veicoli non potrebbero circolare se non con targa prova, mentre in realtà circolavano con targhe ordinarie e per finalità non certo ricollegabili alla futura vendita!

    Che il tutto sia abilmente pianificato è stato ulteriormente dimostrato sentendo gli ex proprietari delle autovetture che hanno confermato che le macchine venivano acquistate in contanti dai proprietari ma intestate all’indagato che sfruttava i benefici della società.

    Ieri mattina il destinatario è stato rintracciato dai poliziotti presso la sua abitazione in Sant’Antimo e, in esecuzione della misura cautelare, associato presso il carcere di Poggioreale.

    In ordinanza inoltre il Gip ha disposto il sequestro preventivo dei 630 veicoli intestati alla società.

    Sono in corso ulteriori indagini per individuare i complici dell’uomo.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Napoli, lancia borsello con la droga dalla finestra: arrestata incensurata

    E' accaduto a San Pietro a Patierno dove è finita in manette una donna di 26 anni

    Aversa, tentano di rubare la marmitta dal furgone delle Poste: arrestati 2 napoletani

    Nella giornata del 15 febbraio 2024, la Polizia Ferroviaria di Aversa ha eseguito un'ordinanza di arresti domiciliari emessa dal GIP del Tribunale di Napoli...

    Caserta, dimessa dall’ospedale, bambina di 7 anni muore il giorno dopo: scatta l’inchiesta

    I genitori di Giulia Rosa Natale chiedono giustizia: "Perché nostra figlia è stata dimessa prima della tragedia?"

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE