Dai calciatori della Juve Stabia rose a colleghe infermiera aggredita

SULLO STESSO ARGOMENTO

Doni ai bambini del reparto di ostestricia e fasci di rose alle colleghe dell’infermiera aggredita in pronto soccorso. E’ quanto portato da calciatori e dirigenti della Juve Stabia questa mattina in visita all’ospedale San Leonardo di Castellammare di Stabia (Napoli).

Accolti dal direttore sanitario del presidio ospedaliero Massimo Majolo, dalla responsabile del reparto di ginecologia ostetricia Eutalia Esposito e da numerosi operatori sanitari, i dirigenti del club Filippo Polcino, Ferdinando Elefante e Ciro Novellino, insieme ai calciatori Giuseppe Leone, Davide Buglio, Leonardo Candellone e Federico Romeo si sono intrattenuti a lungo nel reparto consegnando alcuni doni per i bambini ricoverati.

A seguire, calciatori e dirigenti della squadra capolista nel girone C di Serie C hanno anche voluto omaggiare con delle rose le colleghe dell’infermiera del pronto soccorso che, la sera del 2 gennaio, è stata violentemente aggredita da alcuni parenti di un paziente.



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui




LEGGI ANCHE

Sequestro preventivo di 49.800 euro a Castel Volturno: barbiere finto per ottenere il bonus del “Decreto Rilancio&...

Nell'ambito di un'indagine diretta dalla Procura della Repubblica di Napoli Nord, la Guardia di Finanza di Frattamaggiore ha eseguito un sequestro preventivo di 49.800...

Novichok: cos’è l’arma chimica che ha avvelenato Alexei Navalny

Il Novichok è  un veleno appartenente ad un gruppo di agenti nervini di quarta generazione sviluppati dall'Unione Sovietica negli anni '70 e '80. Sono...

Aggredisce guardia giurata all’ospedale Villa Betania di Ponticelli

Ieri sera, poco prima delle 23, un individuo di 33 anni ha attaccato verbalmente e fisicamente una guardia giurata all'interno del pronto soccorso dell'ospedale...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE