Nasce la ‘Coppa Segreti in giallo & Belle Époque’ per la miglior sceneggiatura italiana

SULLO STESSO ARGOMENTO

Il prestigioso riconoscimento della “Coppa Segreti in Giallo & Belle Époque” è il risultato di una importante collaborazione tra il CittadellaGeoFilmFestival Quarta Edizione e la casa editrice PubMe.

Questo premio diventa parte integrante del Premio Internazionale di Cinematografia “The Golden Earth” e “Targa Cinit – Cineforum Italiano” che vengono assegnati ai migliori film partecipanti alla manifestazione.

La volontà di istituire questo premio scaturisce dalla sinergia culturale tra le collane editoriali Segreti in Giallo & Belle Époque della casa editrice PubMe e la direzione artistica del CittadellaGeoFilmFestival. In particolare, il premio prevede la valutazione delle sole sceneggiature italiane realizzate dai registi in gara. La scelta di considerare solo produzioni italiane per questa edizione è legata alla praticità operativa collegata alle normative internazionali inerenti i diritti d’autore.

    Tuttavia, è previsto che per le edizioni future del GeOFF verranno prese in considerazione anche le produzioni straniere. La giuria incaricata di valutare i cortometraggi sarà composta dalle direttrici della collana editoriale, Rosa Caruso e Maria Grazia Porceddu, insieme alla Founder CEO della casa editrice PubMe, Daniela Cervellera.

    Il regista Rocco Cosentino, ideatore e fondatore del CittadellaGeoFilmFestival, dichiara: “Devo certo ringraziare le direttrici editoriali e la direzione della casa editrice per aver deciso di rendere ancora più esclusivo il GeOFF, giunto ormai alla sua quarta edizione. Offrire loro questa opportunità è assolutamente innovativo ed esclusivo, soprattutto considerando i temi trattati e l’altissimo numero di professionisti che hanno deciso di iscrivere il proprio film.”

    PubMe, fondata nel 2016, è una realtà multiforme che si occupa sia di editoria classica che di produzioni podcast, fiction sonore, audiolibri e gadget legati al mondo dei libri. Daniela Cervellera, per PubMe, dichiara: “Accogliamo con gratitudine e grande slancio questa opportunità, ringraziando le nostre direttrici di collana Rosa Caruso e Maria Grazia Porceddu, che hanno ideato il premio, nonché il nostro già autore Rocco Cosentino, che ha caldamente e con entusiasmo accolto la proposta.”

    Le collane Segreti in Giallo & Belle Époque, nate nel 2020, sono il risultato del progetto editoriale di Rosa Caruso e Maria Grazia Porceddu. I generi trattati vanno dal giallo al noir, dal fantasy all’horror, contaminati con il romanzo storico in una dimensione innovativa e trasversale. Nella selezione delle sceneggiature, oltre alla validità della stessa, sarà fondamentale anche l’inclinazione della narrazione cinematografica all’adattamento letterario.

    Il vincitore verrà annunciato secondo il calendario del festival che ha una durata annuale (dal 28 settembre 2023 al 26 settembre 2024). Rosa Caruso e Maria Grazia Porceddu, direttrici editoriali delle collane, dichiarano: “Siamo orgogliose di poter dimostrare ciò in cui da sempre crediamo, ossia: letteratura e cinema sono forme d’arte assolutamente complementari.”



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Crollo di Firenze, recuperato il corpo dell’ultimo disperso

    Nel cantiere di via Mariti a Firenze, il corpo dell'ultimo disperso è stato recuperato dai vigili del fuoco e successivamente affidato all'autorità giudiziaria per...

    Salerno, bancarotta fraudolenta: misura cautelare per imprenditore e commercialista

    Salerno. Divieto di esercitare l'attività imprenditoriale e ricoprire cariche direttive: misura cautelare personale per due soggetti. Nel contesto di un'ordinanza applicativa di misura cautelare personale,...

    Nola, fatture false: sequestrati circa 8 milion i di euro a società di commercio alcolici

    Stamane i militari del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Napoli hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo emesso dal Giudice...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE