Arzano, emergenza criminalità: minoranze chiedono Consiglio monotematico

SULLO STESSO ARGOMENTO

Arzano. La richiesta, firmata dai consiglieri d’opposizione Luigina Auletta, Salvatore Borreale, Giuseppe D’Angelo, Luigi De Rosa, Nicola Falzarano, Gennaro Ferone, Emanuele Marco Rega e Natale Russo è stata inviata anche al Prefetto di Napoli Michele Di Bari.

La richiesta di Consiglio Comunale monotematico per parlare dell’emergenza sicurezza in città, è stata protocollata e indirizzata dai gruppi consigliari di opposizione alla Presidente del Consiglio Comunale Daniela D’Angelo, alla sindaca Vincenza Aruta e al segretario Generale Francesco Battaglia, a seguito dei gravissimi episodi ai danni dei commercianti arzanesi, ultima tappa di una escalation delinquenziale che non sembra arrestarsi.

Le opposizioni – Alternativa per Arzano, Arzano Viva, UdC e Voltare Pagina Arzano – preoccupati, chiamano le istituzioni locali a prendere atto della gravità della situazione e a reagire prontamente attraverso la discussione e provvedimenti consequenziali.

    La motivazione di una discussione urgente in Consiglio Comunale – avente ad oggetto “emergenza sicurezza”- risiede nel fatto che gli episodi di criminalità si stanno ripetendo in città con preoccupante frequenza, destando timore e preoccupazione nella cittadinanza che avverte rischi sempre più incombenti per la propria incolumità.

    Pertanto, considerata la gravità e l’urgenza delle questioni sollevate e ritenuta necessaria un’immediata risposta delle istituzioni cittadine, i consiglieri comunali di opposizione potrebbero chiedere una dettagliata relazione della Sindaca sullo stato dell’ordine pubblico in città ed un serio e approfondito dibattito in Consiglio Comunale per individuare le iniziative più appropriate tese a contrastare la criminalità.

    La data sarà stabilita nelle prossime ore da una eventuale conferenza dei capigruppo, ma con ogni probabilità il Consiglio Comunale monotematico dovrebbe essere comunque convocato nel più breve tempo possibile.

    A chiedere l’intervento del Prefetto Di Bari, anche il Comitato anticamorra per la Legalità, lanciato da Sandro Ruotolo e Paolo Siani a cui hanno aderito dal vescovo di Napoli Domenico Battaglia, alle associazioni, dai rappresentanti dell’imprenditoria ai sindacati dei lavoratori, artisti, personalità della politica, studiosi, scrittori come Maurizio de Giovanni ha investito, dopo la inarrestabile recrudescenza criminale che sta attanagliando Arzano.

    G. B.

    Leggi anche



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Marigliano, rifiuti abusivi scoperti in un’area agricola

    È stato scoperto un deposito di rifiuti abusivo in un locale appartenente a una società locale, situato in un'area agricola senza concessione e in...

    Life for Gaza: sold out per il concerto-evento in programma al Palapartenope di Napoli

    Concerto per la Palestina: evento sold out al Palapartenope di Napoli Il concerto per la pace, organizzato dalla Comunità Palestinese Campania in collaborazione con...

    Sold out a Oporto per il festival ‘SEA and YOU’ ideato da Napulitanata, unico spazio-stabile della canzone n...

    La canzone napoletana di Napulitanata seduce l’audience di Oporto e diventa regina del festival SEA and YOU in compagnia di fado e flamenco. Un festival...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE