Rapina Rolex a Milano: 14 colpi, arrestati altri tre “trasfertisti” di Napoli

SULLO STESSO ARGOMENTO

Nuova spallata alla bandi di rapina Rolex napoletani in trasferta. La polizia di Stato ha infatti arrestato tre persone, due già detenute e una ai domiciliari, ritenute responsabili di una serie di rapine di orologi di lusso a Milano e Napoli.

I tre, di 50, 40 e 41 anni, residenti rispettivamente ad Arzano e nel capoluogo campano, sono accusati di aver rapinato 14 persone, tra cui facoltosi imprenditori e professionisti, tra settembre 2020 e settembre 2021.

Le indagini, coordinate dalla Squadra Mobile di Milano, hanno preso il via da una rapina avvenuta il 20 gennaio 2021 in viale Montesanto, a Milano. In quell’occasione, un uomo è stato aggredito da due persone che gli hanno strappato un orologio Rolex del valore di circa 50mila euro.

Le telecamere di videosorveglianza hanno ripreso la scena e hanno permesso di identificare uno dei due rapinatori, Salvatore Dipino, 41 anni. Le indagini hanno poi portato all’identificazione degli altri due complici, Giuseppe Pica, 50 anni, e Mariano Conte, 40 anni.

I tre rapinatori, secondo quanto ricostruito dalla polizia, agivano in coppia o da soli. La loro tecnica era sempre la stessa: avvicinavano le vittime, spesso in auto, e le minacciavano con una pistola o un coltello per farsi consegnare l’orologio.

Il bottino complessivo delle rapine è stato di circa 200mila euro.

L’individuazione dei tre è stata possibile grazie al lavoro congiunto tra le questure di Milano e Napoli. Qui sono stati arrestati Giuseppe Pica e Mariano Conte, fermato proprio dopo l’ultima rapina. Attualmente Pica si trova già in carcere, Conte è agli arresti domiciliari con braccialetto.

Ma Dipino non è soggetto ad alcuna restrizione. Il gip Salvini ha, quindi, ordinato l’immediata custodia cautelare in carcere per tutti e tre i soggetti. I tre arrestati sono stati condotti in carcere.

@riproduzione riservata



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui




LEGGI ANCHE

“Giustizia per Fulvio”: la madre e l’Università di Napoli chiedono verità

"Giustizia per Fulvio" è il grido che unisce la madre di Fulvio Filace, Rosaria Corsaro, e l'Università Federico II di Napoli, dove il giovane...

Crollo di Firenze, recuperato il corpo dell’ultimo disperso

Nel cantiere di via Mariti a Firenze, il corpo dell'ultimo disperso è stato recuperato dai vigili del fuoco e successivamente affidato all'autorità giudiziaria per...

Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024

Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024: le previsioni dello zodiaco segno per segno ARIETE: Oggi potresti sentirti particolarmente energico e motivato a raggiungere i tuoi...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE