Napoli, la poliziotta stuprata in tv: “Sono una sopravvissuta”

SULLO STESSO ARGOMENTO

“Sono una donna sopravvissuta, nonostante sia stata vittima di uno stupro. Pensavo di restare lì quella notte, di non tornare più a casa”, ha raccontato Alessandra Accardo, la poliziotta che un anno fa è stata aggredita e stuprata a Napoli al termine del suo turno di lavoro, intervistata da Nunzia De Girolamo in ‘Avanti Popolo’ su Rai3.

“Ho subito colpi alla testa e sono stata strangolata per tutto il tempo. Non c’è stata pietà né compassione. Quando comprendevo che stavo per lasciare questa vita terrena, trattenevo l’ultimo respiro, pensando a mia madre e a mio padre. Volevo tornare a casa da loro”, ha ripercorso quei terribili attimi. “Il mio aggressore è stato condannato con il massimo della pena, la giustizia esiste. Alle altre vittime dico che devono denunciare: denunciare subito aiuta tutti, anche nel racconto, è utile in fase di indagine.”

Accardo ha raccontato come abbia lavorato su se stessa per andare avanti. “Ho avuto bisogno di tempo per piangere e stare da sola. Ci ho lavorato tanto e sono andata avanti. Attualmente sono impegnata anche nelle scuole con i ragazzi, perché da questo dolore deve nascere qualcosa di bello. Bisogna parlare con i giovani, ascoltarli, perché loro sono la chiave del futuro. Non bisogna sottovalutare nemmeno il più piccolo campanello d’allarme. Non solo le donne, anche gli uomini devono chiedere aiuto se si rendono conto che in loro qualcosa non va.”



    “La violenza di genere non è solo un problema delle donne, ma degli uomini. La loro attenzione in quelle circostanze è una cosa bellissima perché fa capire che non sono tutti uguali”, ha concluso Accardo.

    @riproduzione riservata




    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Traffico illecito di rifiuti: arrestati funzionario della Regione Campania e 14 imprenditori

    C'è anche un funzionario della Regione Campania tra i 16 arrestati nell'inchiesta congiunta di Dia e Noe sul traffico illecito di rifiuti tra Campania e Tunisia. Le indagini sono partite da Polla, in provincia di Salerno, per poi coinvolgere i vertici della Regione Campania. Oltre ai funzionari coinvolti, diversi imprenditori del settore rifiuti sono stati posti in stato di fermo. Sono stati sequestrati beni di almeno tre aziende attive nello stoccaggio di rifiuti. L'indagine ha preso...

    Giugliano, tocca un cavo scoperto: giovane rom di 21 anni muore folgorato

    Un giovane di 21 anni residente nel campo rom di Scampia è morto folgorato, dopo essere stato trasportato senza vita al pronto soccorso dell'ospedale San Giuliano di Giugliano dai suoi amici. Nonostante i tentativi di rianimazione da parte del personale medico, purtroppo non c'è stato nulla da fare. Gli agenti del commissariato di polizia di Giugliano sono intervenuti presso il nosocomio di via Basile e un'indagine sarà aperta per fare luce sulla vicenda. Al momento non...

    Salerno, in scena al Ridotto lo spettacolo di Ettore Massa e Massimo Carrino

    Sabato 2 e domenica 3 marzo lo spettacolo di Ettore Massa e Massimo Carrino "Giornalisti quasi disoccupati". Salerno, 29 febbraio 2024 Un nuovo appuntamento targato Che Comico, la stagione 2023 – 2024 ideata dalla Gv Eventi di Gianluca e Valentina Tortora. Sabato 2 e domenica 3 marzo al Teatro Ridotto arrivano Ettore Massa e Massimo Carrino in “Giornalisti quasi disoccupati”. Prendendo spunto da news e fatti reali, il duo propone la propria versione satirica e comica...

    Napoli, il video di sfida allo Stato costa caro a Giusy Valda: arrestata

    Due video: due sfide allo Stato. Pur sapendo di non poterlo fare. Era agli arresti domiciliari e da oggi pomeriggio potrà sfoggiare il suo...

    Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

    Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE