A Napoli apre il museo della tradizione enogastronomica campana

SULLO STESSO ARGOMENTO

Valorizzare la cultura del cibo e raccontare l’origine dei piatti della tradizione attraverso una esperienza innovativa e immersiva.

Nasce con questo obiettivo in via Bracco 51 a Napoli Mute, il primo museo della tradizione enogastronomica campana, da un’idea dell’imprenditore Diego Minutaglio con l’avvocato Luigi Lamberti, e il contributo della Regione Campania.

Mille metri quadri su tre piani in via Bracco il Mute valorizza la cultura del cibo e racconta l’origine dei piatti della tradizione all’interno di una esperienza innovativa e immersiva da una idea dell’imprenditore Diego Minutaglio con l’avvocato Luigi Lamberti: inaugurazione il 20 dicembre alle ore 19.



    Sette vetrine su strada, oltre mille metri quadri divisi in tre piani, tra sale espositive appartenenti alla storia della cucina napoletana e campana, e aree specifiche dedicate agli eventi e ai laboratori didattici dove l’innovazione tecnologica sarà un ingrediente prezioso.

    Mercoledì 20 dicembre alle ore 10 sarà aperto il primo livello, dove si potranno degustare i prodotti caseari e di salumeria del “casadduoglio”, gli insaccati di mare, la pizza nel ruoto leggera e croccante, l’angolo con i tipici cuoppi fritti e tanti prodotti selezionati da esperti tra grandi e piccole realtà della Campania.

    Negli altri livelli ancora in cantiere si potrà assistere alla mostra dell’artista napoletano Giotto Calendoli, dal titolo “Manodopera”, per raccontare il rapporto viscerale con la città che si nutre da sempre di colori e sapori tra installazioni, artwork, illustrazioni, merchandising, stoviglie, e possibilità di gustare la sua cucina e acquistare tutto ciò che si tocca.

    Visitabile gratuitamente dalle ore 10 alle ore 18 la mostra resterà aperta fino al 24 dicembre, data in cui quei livelli torneranno nelle mani degli operai per il completamento dei lavori previsti per metà del 2024.

    http://www.mutecampania.it




    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Emendamento del governo: multe fino a 10mila euro a studenti che aggrediscono prof

    Gli studenti che aggrediscono un professore, un dirigente scolastico o un membro del personale amministrativo della scuola rischiano una multa che va da 500 a 10.000 euro, secondo un emendamento presentato dal governo al Senato nel contesto del disegno di legge sulla valutazione del comportamento degli studenti. L'emendamento prevede che in caso di condanna per reati contro il personale scolastico in ragione o a causa delle loro funzioni, oltre al risarcimento dei danni, sia sempre...

    Napoli, incendio in un cantiere in piazza Duca degli Abbruzzi

    Ieri sera, il nucleo radiomobile dei carabinieri di Napoli è intervenuto in piazza Duca degli Abruzzi, dove si è sviluppato un incendio all'interno di un cantiere di fronte all'ex mercato ittico.   Le fiamme hanno coinvolto alcune tubature in plastica, ma fortunatamente non ci sono stati feriti, grazie all'intervento tempestivo dei vigili del fuoco. Al momento sono in corso indagini per determinare l'origine e la dinamica dell'incendio, considerando tutte le ipotesi possibili. L'allarme è stato lanciato dai...

    Mimmo Borrelli arriva a Caserta con Napucalisse

    **Mimmo Borrelli porta a Caserta lo spettacolo "Napucalisse"** Il rinomato aedo contemporaneo Mimmo Borrelli si esibirà a Caserta presso il Teatro Civico 14 con "Napucalisse". Lo spettacolo sarà in scena sabato 2 e domenica 3 marzo, con due rappresentazioni quotidiane rispettivamente alle 20:00 e alle 18:00. "Napucalisse" è un intenso racconto che riflette sul sentimento di rabbia e dolore dell'uomo napoletano, spesso emarginato e alienato socialmente. Mimmo Borrelli dipinge questa realtà come una sorta di...

    Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

    La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono...

    Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

    Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE