L'OPERAZIONE

Mezza tonnellata di fuochi illegali sequestrati a Casalnuovo di Napoli: un arresto e una denuncia

SULLO STESSO ARGOMENTO

Ancora fuochi, ancora sequestri nel comune di Casalnuovo di Napoli. Mezza tonnellata, questa volta, ben 500 chili tondi di botti illegali sottratti al mercato e a mani incoscienti. In manette ci è finito Carmine Piscopo, 66enne nato proprio nel posto. Con lui denunciato un 25enne.

I carabinieri della tenenza di Casalnuovo hanno perquisito entrambe le abitazioni. In quella di Piscopo i militari hanno rinvenuto 133 ordigni non convenzionali di varia natura, per un peso complessivo di 230 chili. Il 66enne è stato sottoposto ai domiciliari, in attesa di giudizio.

Poche ore dopo, nell’appartamento del 25enne, i carabinieri hanno contato 270 chili di fuochi illegali. 51 ordigni dal peso in polvere attiva di 38 chili. Un pericolo enorme, considerato che erano stoccati senza alcun controllo all’interno di una casa abitata.
Il materiale è stato sequestrato e sarà distrutto con la collaborazione degli artificieri del comando provinciale di Napoli.



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui




LEGGI ANCHE

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE