Napoli, tre cortometraggi chiudono il Mix Your Media School

SULLO STESSO ARGOMENTO

Il nuovo progetto della Fondazione Campania dei Festival.

Sarà il cinema America Hall di Napoli a ospitare mercoledì prossimo, dalle 10.30 alle 13, la giornata conclusiva di Mix Your Media School, il progetto di educazione all’immagine e nuovi media promosso dalla Fondazione Campania dei Festival diretta da Ruggero Cappuccio negli istituti scolastici primari e secondari. Momento clou dell’evento, moderato da un ospite d’eccezione come l’attore Giovanni Esposito, sarà la proiezione dei tre cortometraggi realizzati dagli studenti delle scuole che hanno partecipato al progetto: i tre istituti comprensivi IC 4 “Sulmona – Catullo – Salesiane” di Pomigliano d’Arco (NA), IC 1 “Ariosto” di Arzano (NA), IC “Parco Verde” di Caivano (NA), e le due scuole secondarie di secondo grado ISIS “Alfonso Casanova” di Napoli e IIS “Francesco Saverio Nitti” di Portici (NA).

I lavori sono il frutto di laboratori formativi, teorici e pratici che, a partire dal mese di ottobre, hanno coinvolto 350 allievi, con l’obiettivo di educarli a un utilizzo delle library di materiali accessibili in rete e alla creazione di contenuti audiovisivi crossmediali, a partire dai quelli rilasciati con licenze e strumenti Creative Commons, allargando il dibattito sulle questioni inerenti alla proprietà intellettuale e alla fruizione del patrimonio culturale attraverso una riflessione sui dispositivi propri delle nuove generazioni, tra cui i social network e le piattaforme di streaming.

    Nel corso dell’appuntamento di mercoledì mattina, un filmato, curato dalla Fondazione Campania dei Festival, avrà il compito di documentare le varie fasi di apprendimento e l’impegno appassionato dei 13 docenti che hanno animato il progetto, mentre un video, realizzato dalla Film Commission, ci farà vivere i momenti salienti del backstage. Previsti anche alcuni brevi interventi istituzionali, a partire da quelli di Alessandro Russo e Nadia Baldi, segretario generale e vicedirettrice artistica della Fondazione Campania dei Festival, e del dottor Bruno Zambardino (Direzione Generale Cinema e Audiovisivo del Ministero della Cultura). Porteranno la loro testimonianza, inoltre, importanti rappresentanti dei partner di progetto: la dottoressa Fulvia Guardascione (Film Commission Regione Campania), l’avvocato Deborah De Angelis (Capitolo italiano di Creative Commons), Riccardo Iuzzolino (Responsabile LIST scarl), e la dottoressa Monica Cacciatore (Associazione Riferimento Scuola). Prenderanno poi la parola i dirigenti scolastici Bartolomeo Perna, Teresa Laudanna, Immacolata Iadicicco e la professoressa Chiara Cimini, oltre che i docenti esperti formatori Luca Ciriello e Rosa Maietta.

    La proposta progettuale Mix your Media School, che ha tra i partner anche Anec, è realizzata nell’ambito del Piano Nazionale Cinema e Immagini per la Scuola, promosso dal Ministero della Cultura e dal Ministero dell’Istruzione e del Merito, ed è stata selezionata nell’anno 2023 tra le iniziative innovative a carattere sperimentale per la promozione di approcci critici, pratiche e metodologie didattiche all’avanguardia per l’ambito audiovisivo.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024

    Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024: le previsioni dello zodiaco segno per segno ARIETE: Oggi potresti sentirti particolarmente energico e motivato a raggiungere i tuoi...

    Napoli, arrestato il complice del rapinatore che ferì l’ingegnere

    Napoli. E' stato arrestato anche il secondo rapinatore che la sera del 29 marzo 2023 partecipò al tentato omicidio di un ingegnere che stava...

    “Giustizia per Fulvio”: la madre e l’Università di Napoli chiedono verità

    "Giustizia per Fulvio" è il grido che unisce la madre di Fulvio Filace, Rosaria Corsaro, e l'Università Federico II di Napoli, dove il giovane...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE