Cancello Arnone, lumino accesso sul luogo di lavoro della ex: arrestato stalker

SULLO STESSO ARGOMENTO

Perseguitava la ex con messaggi farneticanti, poi la seguiva si appostava sotto casa rendendo difficile la vitta della donna.

E’ per questo che i carabinieri della Stazione di Cancello ed Arnone hanno dato seguito a un’ordinanza cautelare emanata dal gip del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, che ha disposto la detenzione in carcere di B.I., nato nel 1991, accusato di stalking.

Tale provvedimento è scaturito da un’indagine condotta dalla procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, avviata in seguito alla denuncia di una giovane donna. Come riportato in una nota della Procura, la denunciante lamentava le molestie subite dall’ex fidanzato dopo aver deciso di interrompere la loro relazione sentimentale.



    Dall’analisi dell’indagine è emerso che, a seguito della rottura della relazione, l’indagato ha adottato un comportamento ossessivo, cercando insistentemente di convincere la giovane a tornare con lui. Le azioni includono ripetuti contatti, pedinamenti in auto, appostamenti fuori dalla sua abitazione e dal negozio in cui lavora, oltre all’invio di messaggi dal tono allucinante.

    Aveva messo anche lumino rosso all’esterno del luogo di lavoro della donna

    La Procura ha riferito che il 27 novembre scorso, l’indagato ha collocato un lumino votivo rosso all’esterno del luogo di lavoro della vittima, un gesto chiaramente minaccioso. In un’altra occasione, ha lasciato petali di rosa neri e un’immagine sacra di san Michele Arcangelo fuori dalla casa della ex fidanzata.

    Durante l’indagine, diversi testimoni hanno confermato la versione della giovane. Attualmente, l’indagato si trova detenuto nella casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere, in attesa dell’interrogatorio di garanzia.

    @riproduzione riservata




    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Sequestro immobili abusivi a Castellabate e Montecorice

    I Carabinieri del Nucleo Parco di Castellabate hanno proceduto al sequestro di un manufatto destinato ad abitazione, situato in un'area di particolare valore ambientale all'interno della perimetrazione definitiva del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano ed Alburni. Il manufatto, ottenuto dalla chiusura di una tettoia in legno priva di regolare autorizzazione edilizia, consiste in una struttura di circa 8,20 metri per 4,30 metri, realizzata con blocchi di calcestruzzo, suddivisa internamente e coperta con pannelli...

    Napoli, il film della Cortellesi apre la seconda parte del Cineforum di Arci Movie

    Il Cineforum di Arci Movie a Napoli: Proiezioni e Ospiti Fino a Maggio Il Cineforum di Arci Movie a Napoli continua ad offrire film di qualità e coinvolgenti ospiti nella splendida cornice del Pierrot di Ponticelli. Questa storica rassegna cinematografica si svolgerà da marzo a maggio 2024, presentando dieci titoli e importanti personaggi dello spettacolo per arricchire culturalmente il pubblico della città e dei dintorni. La sala di via De Meis, ristrutturata di recente, offre...

    Antonello Costa al Teatro Charlot di Pellezzano con ‘Costa Power, il potere del sorriso’

    Antonello Costa porta il suo spettacolo comico "Costa Power, il potere del sorriso" al Teatro Charlot di Pellezzano per una serata dedicata alla risata e all'intrattenimento il 1 marzo alle 21. Lo show promette due ore di magia, comicità e cabaret in un mix irresistibile per allontanare lo stress e l'ansia, regalando al pubblico un momento di puro divertimento e leggerezza. L'artista siciliano presenterà le sue performance più amate insieme a novità assolute come...

    Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

    La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono...

    Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

    Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE