Napoli, a folle velocità si ribalta in via Caravaggio e distrugge altre due auto

SULLO STESSO ARGOMENTO

Un’auto si è ribaltata questa mattina all’alba in via Caravaggio, nel quartiere Fuorigrotta di Napoli. L’incidente è avvenuto all’altezza del civico 168.

Il boato dell’impatto ha svegliato i residenti della zona, che hanno subito allertato le forze dell’ordine. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco, che hanno estratto il conducente dalle lamiere contorte dell’abitacolo.

L’uomo, un giovane di 25 anni, è stato trasportato in ospedale in codice giallo. Le sue condizioni non sono gravi.

    A raccontare l’accaduto è Francesco, un residente della zona che abita proprio di fronte al luogo dell’incidente. “È il secondo episodio nel giro di un anno”, spiega Francesco. “L’estate scorsa, proprio nello stesso punto, un’altra auto si era ribaltata. Su questa strada chi passa in auto e moto sfreccia come se fosse in pista.

    E’ il secondo episodio in un anno

    Noi non ci sentiamo sicuri nemmeno più ad attraversare la strada. È una situazione che mette a rischio l’incolumità di tutti, anche degli animali. Qui vicino c’è una colonia felina e in questi mesi sono stati investiti diversi gatti”.

    “Bisogna immediatamente installare dei dissuasori di velocità prima che accada l’irreparabile”, ha dichiarato Francesco Emilio Borrelli, deputato di alleanza Verdi-Sinistra.

    “Sono troppe le persone che alla guida non rispettano le più basilari norme del codice della strada e scambiano le vie di Napoli per circuiti su cui correre a folle velocità. La nostra città ha già pianto troppe morti a causa dei delinquenti della strada, non possiamo consentire che questa lista diventi ancora più lunga”.

    Borrelli: “Installare i dissuasori”

    “I dissuasori installati sul lungomare stanno dando i loro frutti”, ha aggiunto Borrelli. “Si provveda anche per via Caravaggio e per tutte le strade pericolose dove questi scellerati sfrecciano sprezzanti della loro incolumità e di quella degli altri. Al contempo servono pene severe per i delinquenti della strada a cui non va consentito di rimettersi alla guida”.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Clan Vanella Grassi: morto in carcere il boss Vincenzo Esposito, detto ‘o Porsche

    Vincenzo Esposito, noto come ‘o Porsche, boss della Vanella Grassi, è morto in carcere a Parma, dove era detenuto da tempo. Secondo fonti investigative,...

    Tampona e fa cadere moto: automobilista denunciato. Ferito gravemente il centauro

    Il 57enne dovrà rispondere delle accuse di lesioni personali stradali a seguito di un incidente verificatosi nella serata del 19 febbraio scorso. Durante la...

    Crollo di Firenze, recuperato il corpo dell’ultimo disperso

    Nel cantiere di via Mariti a Firenze, il corpo dell'ultimo disperso è stato recuperato dai vigili del fuoco e successivamente affidato all'autorità giudiziaria per...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE