Scafati, ospedale chiuso: il sindaco denuncia Asl e Regione Campania

SULLO STESSO ARGOMENTO

Il sindaco di Scafati (Salerno), Pasquale Aliberti, ha denunciato alla procura di Nocera Inferiore l’Asl di Salerno e la Regione Campania per omicidio colposo e per inosservanza dei provvedimenti dell’autorita’.

Il primo cittadino, lo scorso 25 ottobre, aveva firmato un’ordinanza con cui intimava all’Asl Salerno e alla Regione Campania l’immediata riapertura del punto di primo intervento del presidio ospedaliero e una dotazione di ambulanze con medici rianimatori esperti dell’emergenza per i casi di maggiore complessita’, in numero adeguato in base alla popolazione. Il provvedimento era arrivato dopo il decesso, a causa di un malore, di una donna di 59 anni e la morte, sempre per un malore, di un uomo di 60 anni.

“Ho richiesto in via istruttoria alla procura di Nocera – spiega Aliberti dopo la presentazione della denuncia ai carabinieri – la nomina di un collegio medico-legale che, sulla base della documentazione prodotta ed esaminato lo stato dei luoghi, anche con riferimento ai tempi di percorrenza dei presidi ospedalieri di Sarno e Nocera, dicano, secondo le Linee guida nazionali ed internazionali, i tempi di soccorso nel caso di malori di tipo cardiaco, avendo cura di elencare quali siano le ulteriori patologie per le quali e’ richiesto un tempestivo soccorso e se, allo stato, la popolazione di Scafati e’ garantita in caso di patologie per le quali e’ richiesto un tempestivo soccorso dai Po di Sarno e di Nocera Inferiore, avendo cura di accertare e verificare, altresi’, in base all’utenza, la capacita’ di prestazioni sanitarie da parte di tali ultimi presidi ospedalieri”.

    “Nei prossimi giorni – anticipa il sindaco – accompagnero’ i familiari delle vittime che hanno subi’to sulla loro pelle la gestione fallimentare della sanita’, a Palazzo Santa Lucia, per protestare, per accendere le luci su tutta la vicenda, affinche’ ognuno, per i livelli di competenza, si prenda le proprie responsabilita'”



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Crollo di Firenze, recuperato il corpo dell’ultimo disperso

    Nel cantiere di via Mariti a Firenze, il corpo dell'ultimo disperso è stato recuperato dai vigili del fuoco e successivamente affidato all'autorità giudiziaria per...

    Napoli, tragedia di San Giovanni a Teduccio, raccolta fondi on line per i figli rimasti orfani

    È partita una raccolta fondi organizzata da Antonio Molisso sulla piattaforma  GoFundMe per aiutare i figli della coppia di san Giovanni a Teduccio morta...

    Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024

    Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024: le previsioni dello zodiaco segno per segno ARIETE: Oggi potresti sentirti particolarmente energico e motivato a raggiungere i tuoi...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE