Pianura, smantellata piazza di spaccio: 7 arresti

SULLO STESSO ARGOMENTO

Nella tarda mattinata di ieri, gli agenti del Commissariato di Pianura hanno effettuato un controllo in un appartamento situato in via Vicinale Sant’Aniello, nell’ambito dei servizi predisposti.

L’intuito investigativo si è rivelato positivo, e una volta entrati nell’appartamento, i poliziotti hanno sorpreso e bloccato sette uomini seduti al tavolo della cucina, dove sono stati rinvenuti 1 panetto di hashish (circa 24 grammi), 4 involucri di hashish (circa 13 grammi), 2 involucri di cocaina (circa 31 grammi), 1 involucro di marijuana (circa 98 grammi), 57 dosi di marijuana (circa 69 grammi), 85 euro in contanti, materiale per il confezionamento della droga, 2 bilancini di precisione, un paio di forbici e 2 coltelli contaminati con sostanze stupefacenti. Inoltre, sono state trovate 3 cartucce calibro 357 magnum e 2 macchine per il sottovuoto.

A seguito di ciò, gli agenti hanno proceduto con le attività investigative che hanno portato all’arresto di sette individui, di età compresa tra i 18 e i 33 anni, tutti con precedenti di polizia specifici, per detenzione illecita di sostanza stupefacente e detenzione abusiva di munizioni.

    Inoltre, altre due persone, di 17 e 20 anni, sono state denunciate per gli stessi reati, poiché sono state sorprese all’interno dell’appartamento. Durante la perquisizione, è stata rinvenuta e sequestrata una pistola calibro 7.65 con matricola abrasa e 6 munizioni, insieme a un giubbotto antiproiettile, nel giardino della stessa strada, a carico di ignoti.

    @riproduzione riservata



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE