IL FATTO

Napoli, denunciato commerciante di Montesanto per versamento illecito di rifiuti nel sottosuolo

SULLO STESSO ARGOMENTO

In seguito a un’azione congiunta del personale della Polizia Locale di Napoli appartenente all’Unità Operativa di Tutela Ambientale, del Servizio Difesa Idrogeologica del Territorio e Bonifiche del Comune di Napoli, e di un esperto geologo incaricato per l’ispezione delle Cavità Antropiche presenti nel territorio cittadino, è emerso uno sversamento illecito di rifiuti speciali pericolosi.

L’intervento si è concentrato su una cavità situata in via Montesanto, dove è stato rilevato uno sversamento nel sottosuolo cittadino di circa 30 metri cubi di rifiuti, tra cui cassette in plastica, bottiglie in PET e vetro, cartoni, fusti sotto pressione di birra e vino, fusti per vino in plastica e vetro, scatole in polistirolo, materiale edile e bustoni neri contenenti rifiuti non classificabili a vista.

Gli agenti hanno condotto un’ispezione approfondita, raggiungendo una profondità di 27 metri, dove hanno individuato un commerciante che illecitamente sversava rifiuti dalla superficie attraverso uno dei pozzi della cavità. L’attività illecita è stata confermata da diverse fatture rinvenute tra i rifiuti, identificabili come provenienti da un’attività nota nella zona.

Con il supporto del geologo incaricato e della cartografia fornita dal Servizio Difesa Idrogeologica del Territorio e Bonifiche del Comune di Napoli, è stato precisamente individuato il punto in superficie dal quale avveniva lo sversamento abusivo. Successivamente, gli agenti hanno individuato l’attività, ubicata in un locale cantina accessibile tramite una piattaforma/ascensore realizzata senza autorizzazione edilizia.

Durante l’ispezione, è stato individuato un pozzo dal quale il commerciante aveva illecitamente conferito i rifiuti nel sottosuolo. Sia la piattaforma/ascensore che il pozzo sono stati sottoposti a sequestro insieme alla quantità considerevole di rifiuti accumulati nel corso degli anni. Il responsabile, un uomo di 45 anni incensurato, è stato denunciato per la violazione della normativa penale in materia ambientale e edilizia.

Oltre a dover rispondere legalmente, l’indagato sarà tenuto a ripulire la cavità e far fronte alle relative spese. Le 208 cavità presenti nella Città di Napoli sono monitorate costantemente dal Servizio Difesa Idrogeologica del Territorio e Bonifiche e dall’esperto geologo incaricato.

La Polizia Locale – Sezione Ambientale, in collaborazione con gli uffici tecnici del Comune di Napoli, continua il suo impegno nella lotta contro gli illeciti sversamenti, anche nelle cavità che rappresentano un patrimonio storico della città, utilizzate in passato come rifugi durante la guerra. Si prevedono ulteriori interventi nei prossimi giorni per contrastare questa pratica diffusa di sversamenti illeciti nelle cavità cittadine.




LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui


LEGGI ANCHE

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE