Incendio al Vomero: muore 37enne, gravi i genitori

SULLO STESSO ARGOMENTO

Tragedia al Vomero a causa di un incendio che si è sviluppato in appartamento di via Kagoshima.

Un morto e due feriti in gravi condizioni è il tragico bilancio dell’incendio. Nonostante l’arrivo dei vigili del fuoco e dei soccorsi all’ospedale Cardarelli di Napoli è morto Emanuele Guelfi 37 però non a causa delle gravi feriti riportate.

Il giovane disabile infatti è morto per un infarto mentre si trovava a casa di alcuni parenti. Forse per lo choc avuto nell’incendio.

    Ernesto Guelfi, 61enne e sua moglie Sabina Azzolino di 62 anni sono ricoverati in gravissime condizioni nel reparto grandi ustionati del Cardarelli. Dalle indagini svolte dagli esperti dei vigili del fuoco è emerso che le fiamme si sono propagate a causa di un malfunzionamento di una stufa che si trovava nella camera da letto dei coniugi e che poi si sono propagate in tutta la casa.

    Gli agenti del commissariato Vomero stanno effettuando i rilievi egli ulteriori accertamenti per stabilire le esatte cause.

    Nel frattempo i medici del Cardarelli stanno facendo di tutto per salvare la vita ai due coniugi, e come anticipa cronache di Napoli, a preoccupare sono le condizioni di Ernesto Guelfi.

    @riproduzione riservata

     



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024

    Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024: le previsioni dello zodiaco segno per segno ARIETE: Oggi potresti sentirti particolarmente energico e motivato a raggiungere i tuoi...

    Napoli, tragedia di San Giovanni a Teduccio, raccolta fondi on line per i figli rimasti orfani

    È partita una raccolta fondi organizzata da Antonio Molisso sulla piattaforma  GoFundMe per aiutare i figli della coppia di san Giovanni a Teduccio morta...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE