Forio, tragedia sfiorata: grosso pino cade sulla strada

SULLO STESSO ARGOMENTO

Tragedia sfiorata a Forio dove, intorno a mezzogiorno, sulla strada Borbonica, complice le forti raffiche di vento, un pino è crollato sulla sede stradale.

Fortunatamente in quel momento marciapiedi e carreggiata non erano attraversati da pedoni e automobilisti, altrimenti ora staremmo parlando di un epilogo tragico. Il crollo del pino riaccende, inevitabilmente, i riflettori sulla pericolosità di centinaia di alberi da grosso fusto presenti lungo le strade e nei luoghi pubblici isolani.

A partire proprio dai pini in quanto le loro radici affioranti non consentono un solido ancoraggio al terreno e perché, negli anni, sono stati indeboliti dalla marchalina hellenica e da altre malattie da cui sono stati infestati.

    E nonostante il PCIM-L fondato dal compianto Domenico Savio da anni denunci il rischio che tutti noi corriamo, chiedendo una verifica statica a tappeto di tutti gli alberi presenti sulle strade, nelle piazze e in ogni luogo pubblico, sino a questo momento nulla si è mosso.

    Anzi, negli anni, e non poteva essere diversamente, la situazione è inevitabilmente peggiorata. Infatti basta alzare gli occhi al cielo e rendersi conto che nella maggior parte dei casi i pini non vengono neppure potati e le loro gigantesche chiome, col vento forte, ne aumentano a dismisuro l’effetto vela e il rischio crollo: assurdo! Cosa si aspetta ad intervenire?

    Cosa si aspetta a monitorare ogni anno albero per albero? Aspettiamo prima che ci scappi il morto tanto ormai neppure la perdita di una vita umana fa più notizia? Eppure rappresentanti politici ed istituzionali a tutti i livelli, dopo ogni tragedia, vedi terremoti e alluvioni, attraverso le loro passerelle sull’isola d’Ischia annunciano ricostruzione e messa in sicurezza ma, allo stato dell’arte, lo Stato non è neppure capace di potare e monitorare i pini a rischio crollo. C’è davvero poco da aggiungere…

    Gennaro Savio

    @riproduzione riservata




    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui


    LEGGI ANCHE

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE