Avellino, detenuto incendia lenzuola e si dà fuoco

SULLO STESSO ARGOMENTO

Momenti di grande tensione nel carcere di Avellino dove nella tarda mattina un detenuto ha incendiato nella sua cella le lenzuola del letto provocando una densa nube di fumo nell’intero reparto.

L’episodio viene denunciato dalla segretaria regionale del Sappe, Tiziana Guacci. Soltanto grazie all’intervento degli agenti l’incendio è stato spento con grandi difficoltà. I poliziotti della Polizia penitenziaria intervenuti sono rimasti vittima di un principio di intossicazione.

Lo stesso detenuto, nel pomeriggio, ha dato fuoco agli abiti che indossava. Anche in questo caso è stato provvidenziale l’intervento del personale in servizio per salvare il detenuto. Lo stesso sindacato aveva denunciato ieri l’aggressione di un detenuto ad un altro recluso e ad un agente in servizio presso l’infermeria della casa circondariale.

    “Un grave evento critico annunciato -dichiara il segretario generale del Sappe, Donato Capece- causato dall’assegnazione di detenuti violenti e pericolosi”. Capece sottolinea però che “va nella giusta direzione il Decreto Sicurezza del governo che prevede l’inasprimento di pene per i detenuti che aggrediscono il personale della Polizia Penitenziaria”.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Pagani, sequestrata una fabbrica che riproduceva illegalmente prodotti della SSC Napoli

    Un ingente quantitativo di merce contraffatta sequestrata, tre lavoratori in nero denunciati Nell'ambito dell'intensificazione delle attività di contrasto alla contraffazione, la Guardia di Finanza di...

    Ordine dei Geologi: “A Napoli urgente indagine sul sottosuolo”

    L'Ordine dei Geologi della Campania ha sollecitato un puntuale monitoraggio del territorio napoletano, iniziando dai quartieri più a rischio come il Vomero, in seguito...

    Napoli, tragedia di San Giovanni a Teduccio, raccolta fondi on line per i figli rimasti orfani

    È partita una raccolta fondi organizzata da Antonio Molisso sulla piattaforma  GoFundMe per aiutare i figli della coppia di san Giovanni a Teduccio morta...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE