Esercitazione di evacuazione negli ospedali, i Campi Flegrei alla prova

SULLO STESSO ARGOMENTO

L’obiettivo è stato verificare la capacità degli ospedali della provincia a nord di Napoli di accogliere e curare un gran numero di feriti in caso di un’eventuale emergenza o di calamità naturale. Uno stress test – oggi negli ospedali di Giugliano e Frattamaggiore, domani in quello di Pozzuoli – immaginato nell’ambito del rafforzamento delle attività di sicurezza legate alla crisi sismica dei Campi Flegrei. Agli ospedali di Giugliano e Frattamaggiore oggi sono arrivati complessivamente 20 ‘pazienti-figuranti’ in appena trenta minuti. Insomma è stato ipotizzato un afflusso molto superiore alla media nei due presidi, che assistono una popolazione di diverse centinaia di migliaia di persone.

Prima il triage, ovvero la classificazione dell’emergenza e quindi, dopo un passaggio al pronto soccorso per le prime cure, il trasferimento nei vari reparti: traumatologia, chirurgia d’urgenza e così via. A Giugliano i ‘pazienti-figuranti’ (si è trattato di giovanissimi studenti in scienze infermieristiche che indossavano una pettorina per distinguerli dagli ammalati autentici) sono giunti sia con mezzi propri sia con le ambulanze. E così è stata anche valutata la tenuta della viabilità nelle strade circostanti i due ospedali; strade che devono essere sempre facilmente praticabili dalle ambulanze.

Poi una volta giunti al pronto soccorso (in un’area a parte per non intralciare la normale attività: infatti durante le simulazioni sono arrivate due ‘vere’ ambulanze con altrettanti pazienti) hanno fatto tappa al triage dove gli infermieri hanno assegnato loro il codice: dal rosso al giallo, dal verde al bianco. Tutto regolare, almeno a livello di test. Successivamente saranno invece eseguite le prove di evacuazione, come ha spiegato la responsabile dell’unità di crisi dell’Asl Napoli 2 Nord. Maria Rosaria Basile. E si tratterà di attività più complesse: bisognerà allontanare perfino pazienti che potrebbero essere in condizioni di salute critiche, e occorrerà attrezzare strutture mobili come ‘presidi sanitari da campo’.

    “Al momento non si pensa a quando fare le prove di evacuazione dei cittadini – ha spiegato a margine dell’assemblea regionale dell’Anci Campania il sindaco di Pozzuoli, Luigi Manzoni – in settimana abbiamo fatto una riunione in prefettura, la prossima settimana approfondiremo e poi il 13 ci sarà la visita del ministro Musumeci a Napoli e nei Campi Flegrei”.

    Lo stesso ministro per la Protezione civile oggi è tornato a definire i Campi Flegrei come un “sorvegliato speciale”, ribadendo che non bisogna trasmettere messaggi allarmanti ma che è difficile prevedere come possa evolvere la situazione. A Musumeci, che aveva parlato di assenza di fondi della Regione per quell’area, replica oggi il governatore Vincenzo De Luca: “Chi ha piena responsabilità è il Governo, che da un anno e due mesi non sblocca le risorse del Fondo Sviluppo e Coesione che spettano al Sud e alla Campania, e che servono proprio per realizzare quanto prevede il decreto Campi Flegrei in tema di infrastrutture, sistema dei trasporti, emergenze ambientali”.



    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    telegram

    LIVE NEWS

    Esercitazione di evacuazione a Bagnoli il 31 maggio: test di trasferimento della popolazione

    Il 31 maggio si terrà a Napoli un'esercitazione di evacuazione per testare il piano di emergenza in caso di bradisismo ai Campi Flegrei. Durante l'esercitazione, che durerà dalle 8:00 alle 17:00, verrà simulato il trasferimento di un gruppo di persone dal quartiere di Bagnoli verso un'area sicura al di fuori...

    Mega rissa in una discoteca di Praia a Mare: feriti tre giovani della provincia di Salerno

    Salerno. Feriti e denunciati per rissa:è il triste epilogo di quella che doveva essere una serata di svago per un gruppo di giovani della provincia di Salerno. La rissa, scatenata per i soliti futili motivi, la notte scorsa in uno stabilimento balneare e discoteca a Praia a Mare. In tre...

    CRONACA NAPOLI