Napoli accoltellato per il Fantacalcio, il 16enne si difende: “Mi ha provocato”

SULLO STESSO ARGOMENTO

Un 16enne a Napoli è stato accusato di aver tentato di uccidere un amico dopo una lite sul Fantacalcio.

Il ragazzo si è difeso affermando: “Sì, è vero sono stato io, ma non so cosa mi sia preso. Mi prendeva in giro e ho perso la testa”. Attualmente si trova al centro di prima accoglienza dei Colli Aminei in attesa dell’interrogatorio con il giudice.

La vittima, leggermente più giovane dell’aggressore, è ancora in gravi condizioni. È a rischio l’amputazione di una gamba a causa di una profonda lacerazione dell’arteria femorale. Dalle indagini è emerso che il ragazzo aveva già il coltello con sé, il che potrebbe aggravare ulteriormente la sua posizione.

 L’aggressore però aveva già minacciato la vittima due sere fa a Scampia

Nonostante l’adolescente abbia sostenuto di essere stato provocato e di essersi difeso, potrebbe invece trattarsi di un’azione premeditata. Diversi testimoni hanno riferito che il 16enne aveva minacciato il ragazzo, che poi ha accoltellato, nei giorni precedenti l’incidente avvenuto in via Scarpetta nel quartiere di Scampia, due sere fa.




LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui




LEGGI ANCHE

Napoli, il video di sfida allo Stato costa caro a Giusy Valda: arrestata

Due video: due sfide allo Stato. Pur sapendo di non poterlo fare. Era agli arresti domiciliari e da oggi pomeriggio potrà sfoggiare il suo...

Traffico illecito di rifiuti: arrestati funzionario della Regione Campania e 14 imprenditori

C'è anche un funzionario della Regione Campania tra i 16 arrestati nell'inchiesta congiunta di Dia e Noe sul traffico illecito di rifiuti tra Campania...

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE