La Fondazione Vassallo intitolata al Sindaco Pescatore sfrattata dal Castello di Pollica e oggi commemorazioni inutili per la morte di Angelo

SULLO STESSO ARGOMENTO

Il Presidente della Fondazione Angelo Vassallo Sindaco Pescatore, Dario Vassallo: «Ho chiesto ad Elly Schlein di prendere posizione nei confronti di chi ostacola l’azione della Fondazione, ma ad oggi nessuna risposta».

Oggi, a 13 anni dalla tragica morte di Angelo Vassallo, Sindaco di Pollica, la Fondazione Vassallo annuncia di essere stata sfrattata dalla sua sede storica, il Castello Capano di Pollica.

«Un atto che solleva importanti interrogativi sulla gestione dei beni comuni e sul ruolo delle istituzioni. Il 20 ottobre 2021, con la delibera n. 23 e l’approvazione unanime del consiglio comunale, la giunta comunale deliberava che la Fondazione Vassallo non potesse più avere la sua sede nel Castello Capano, un bene comune precedentemente acquisito dall’amministrazione Vassallo – afferma Dario Vassallo – Tale decisione solleva interrogativi sulla trasparenza e sulla giustificazione della rimozione della Fondazione dalla sede che aveva occupato per anni».



    «Il nostro sfratto dalla sede storica della Fondazione è stato giustificato con la motivazione che ‘non abbiamo prodotto’ – prosegue Dario Vassallo, fratello di Angelo Vassallo e presidente della Fondazione – Non abbiamo prodotto? La realtà è che abbiamo diffuso i principi di Angelo Vassallo in tutto il mondo. Nel 2016 siamo stati invitati a Washington per la conferenza mondiale sugli oceani. In Albania, esiste un parco con migliaia di piante intitolato al Sindaco Pescatore. Siamo stati coinvolti in iniziative culturali e sociali in tutta Italia, siamo entrati nelle scuole, tra i giovani, e persino Papa Francesco ci ha scritto. Questo sfratto è un’offesa alla memoria di mio fratello e un oltraggio all’importante lavoro svolto dalla Fondazione. La maggior parte delle istituzioni campane erano assenti alla Marcia per Angelo lo scorso 3 settembre per chiedere Giustizia sui mandanti dell’omicidio. Il ricordo di Angelo travalica la fede politica e partitica: Angelo è una vittima innocente, che ha perso la vita in difesa della sua comunità, della sua terra. La morte di un sindaco è la morte dello Stato. Non è l’assenza di una sede, però, a fermare l’azione della Fondazione nel mantenere viva la memoria di Angelo».

    È sulla decisione della giunta comunale di Pollica che insiste Dario Vassallo: «Una scelta che solleva preoccupazioni sulla gestione dei fondi pubblici relativi al Castello Capano. Chiedo alla magistratura di indagare su come vengono utilizzati i soldi pubblici in relazione a questa proprietà, invitando le autorità ad estendere l’indagine anche a Bologna e Catania. Inoltre, la Fondazione Vassallo ha scritto alla segretaria del Partito Democratico, Elly Schlein, richiedendo un’indagine politica sull’operato dell’amministrazione di Pollica e invitando il partito a prendere una posizione chiara su questa vicenda».

    “Angelo Vassallo non ha bisogno di retorica”, afferma Dario Vassallo. «Chiediamo azioni concrete e una giustizia che finora è stata negata a mio fratello e alla Fondazione. Il Partito Democratico, di cui Angelo era membro, non può ignorare questa situazione. La morte di un sindaco è una ferita profonda per la democrazia e per lo Stato, e non possiamo permettere che resti impunita».

    Inoltre, la Fondazione Angelo Vassallo Sindaco Pescatore si impegna attivamente nella supervisione della gestione e dell’utilizzo in comodato dei beni ecclesiastici, stabilendo contatti diretti con la Segreteria di Stato del Vaticano al fine di monitorare tali questioni. La Fondazione Vassallo continuerà a lottare per la memoria di Angelo Vassallo e per la realizzazione dei suoi ideali. Il continuo delle indagini su questo caso rappresenta una speranza di giustizia che, dopo 13 anni di silenzio e omissioni, potrebbe finalmente portare a una risposta.


    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui


    Nessun "6", né "5+1" al concorso odierno del Superenalotto. Realizzati invece sei 5 da 31mila euro. Il jackpot per il "6" sale a 91.900.000,00 euro. Questa la combinazione vincente del concorso SUPERENALOTTO di oggi: 15-27-42-53-65-85. Numero Jolly: 88. Numero Superstar: 49. Queste le quote del Concorso Superenalotto/Superstar n.61 di oggi: Superenalotto Punti 6:...
    Ecco le estrazioni del Lotto di oggi 18 aprile: BARI 13 39 14 70 78 CAGLIARI 67 65 03 87 63 FIRENZE 85 90 19 67 78 GENOVA 60 81 39 33 13 MILANO 90 01 83 11 88 NAPOLI 18 12 80 29 19 PALERMO 50 83 40 24 12 ROMA 74 48 75 65 37 TORINO...
    Dal 2020 al 2024, si sono verificati 302 suicidi nelle carceri italiane. La Lombardia è stata la regione con il numero più elevato di suicidi in carcere negli ultimi anni (48), seguita dalla Campania (33). Questi dati sono stati resi noti in occasione dei presidi organizzati in 50 città italiane,...
    Palazzo Reale di Napoli si prepara ai ponti di primavera e alla grande affluenza turistica in città organizzando una serie di aperture straordinarie e di iniziative per implementare l’offerta culturale al pubblico. Sabato 20 torna l’iniziativa Il sabato dei depositi, aperture straordinarie del terzo sabato del mese, con una visita...

    IN PRIMO PIANO