Furti nelle imprese tessili del Nord: 7 arresti tra Napoli e Milano

SULLO STESSO ARGOMENTO

I Carabinieri del Nucleo Investigativo di Verbania sono impegnati in una operazione nelle Province di Milano e Napoli, per l’esecuzione di sette provvedimenti restrittivi.

Emessi dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Verbania nei confronti di una organizzazione criminale, responsabile di numerosi furti ai danni di imprese tessili di pregio del nord Italia, commessi tra luglio e dicembre del 2022 in diverse province del Piemonte, Lombardia ed Emilia Romagna.

Nel corso dell’operazione sono state arrestate 7 persone (5 in carcere, 2 agli arresti domiciliari) ritenute responsabili a vario titolo di associazione per delinquere finalizzata ai furti.

    La banda e’ considerata responsabile di 18 distinti furti di cui uno solo tentato poiche’ la titolare della ditta non si e’ fidata del presunto corriere, commessi in tutta Italia nelle provincie di Udine, Verbania, Como, Torino, Varese, Milano, Lodi, Bologna, Rimini, e a cui hanno concorso complessivamente 14 indagati, tra cui i 7 appartenenti al sodalizio e destinatari della misura restrittiva eseguita questa mattina, con l’operazione ribattezzata “Pacco Matto”, nel corso della quale e’ stata recuperata merce per un valore di circa 400.000 euro.

    Le indagini erano partite dopo due furti avvenuti lo scorso anno nei mesi di luglio e agosto ai danni di due societa’ del settore dell’alta moda con sede nella provincia di Verbania. I Carabinieri, seguendo il filo di questi due episodi, sono riusciti a ricostruire la tecnica utilizzata e a individuare i responsabili.

    Ogni episodio cominciava con un contatto telefonico nel corso del quale il “telefonista”, a capo del gruppo criminale, contattava chiamando da Napoli l’azienda fingendo di essere il corriere incaricato al ritiro di merce da spedire: l’abilita’ della banda era quella di riuscire ad individuare, grazie a una miriade di telefonate, aziende che effettivamente avevano in programma spedizioni affidate a reali societa’ di logistica.

    Al magazzino dell’azienda si presentavano poi i falsi corrieri, che indossavano le divise di note imprese di spedizioni e utilizzavano furgoni presi a noleggio a cui venivano alterate le targhe, ritirando la merce, che veniva stoccata in garage e magazzini in attesa di essere trasportata nel capoluogo campano, dove veniva poi reimmessa nel circuito legale dei mercati rionali.

    I carabinieri di Verbania, una volta individuata e ricostruita la struttura del gruppo criminale, composta dal “telefonista” e da tre distinte batterie di finti corrieri, sono riusciti a seguire da vicino lo sviluppo dell’azione criminale, e in un caso ad effettuare un arresto in flagranza.

    Dei 7 arresti uno e’ stato eseguito ad Arluno (MI), un 77enne originario di Napoli che rappresentava la base logistica nel nord Italia per le batterie dei finti corrieri. Gli altri 6 sono stati rintracciati tutti in provincia di Napoli, 5 nel capoluogo ed uno a San Giuseppe Vesuviano. Di questi al vertice dell’organizzazione un 66enne gia’ precedentemente condannato dal Tribunale di Verbania per reati contro il patrimonio.

    Gli altri componenti del sodalizio sono un 40enne gia’ ristretto in carcere a Poggioreale per altra causa, un 50enne ed un 64 enne ed un 29enne, tutti facenti parte delle batterie di finti corrieri. Il soggetto rintracciato a San Giuseppe Vesuviano, il piu’ giovane del gruppo, un 28enne, sfruttando anche la sua posizione di dipendente di una societa’ di trasporti, estranea alle indagini, si occupava del trasferimento della merce rubata dal nord Italia verso il capoluogo campano.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Arrestato 14enne a Salerno per spaccio di hashish

    I carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Salerno hanno arrestato un 14enne salernitano per detenzione illecita e spaccio di hashish. L'arresto è avvenuto all'uscita...

    Tragedia a Torino: il giovane calciatore Andrea Vincenzi muore a soli 12 anni

    Una tragedia ha colpito la comunità calcistica di Torino con la morte improvvisa del giovane calciatore Andrea Vincenzi, appena dodicenne. Dopo essere stato dimesso in...

    Riunione del Comitato per la sicurezza a Napoli: focalizzazione sui minori armati

    La riunione del Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica, presieduta dal prefetto di Napoli, Michele di Bari, ha posto al centro l'importante...

    Clan Vanella Grassi: morto in carcere il boss Vincenzo Esposito, detto ‘o Porsche

    Vincenzo Esposito, noto come ‘o Porsche, boss della Vanella Grassi, è morto in carcere a Parma, dove era detenuto da tempo. Secondo fonti investigative,...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE