Cooperazione, Wille(Corte Sudafrica): “Evviva principi Unidroit”

SULLO STESSO ARGOMENTO

I principi di Unidroit sono un riferimento dove le norme nazionali non arrivano o non aiutano e forniscono soluzioni concrete ai più alti livelli di giurisdizione: lo sottolinea Eduard Derek Wille, giudice della Corte suprema del Sudafrica.

Il tema è al centro di un’intervista con l’agenzia Dire, realizzata a Roma. In primo piano c’è Unidroit, l’Istituto internazionale per l’unificazione del diritto privato, e in particolare il valore dei suoi principi per i contratti commerciali.

Chiamato a misurarsi con casi di alto profilo sin dagli anni Ottanta, Wille è nella capitale italiana per incontrare i giuristi, gli avvocati di Stato e gli estensori di testi legislativi che fino al 7 luglio partecipano ai corsi organizzati da Unidroit nella sede di via Panisperna, presso Villa Aldobrandini.



    Dopo aver preso parte all’edizione dello scorso anno, il giudice torna a dialogare e a confrontarsi, portando la propria esperienza.

    I corsi sono parte dell’International Program for Law and Development, un’iniziativa finanziata dal ministero degli Affari esteri e della cooperazione internazionale giunta alla seconda edizione. A partecipare 22 giuristi, originari di 17 Paesi dell’Africa.

    Wille, riferendosi alla sua esperienza nell’Alta corte di Città del Capo, in Sudafrica, illustra i numerosi casi nei quali il ricorso all’esperienza di Unidroit gli è stato utile per interpretare le norme del diritto nazionale quando non erano chiare o non risolvevano direttamente la questione.

    “I partecipanti a questo corso dovrebbero studiare i principi dell’Istituto perché spesso nel loro lavoro come avvocati o magistrati si troveranno in situazioni nelle quali le norme nazionali non basteranno a dare risposte” sottolinea Wille.

    “Allora, qualora la Costituzione lo consenta, potranno far riferimento a questi principi, preziosi, elaborati nel corso di molto tempo; potranno utilizzarli per prendere decisioni e queste decisioni potranno essere assimilate negli ordinamenti giuridici e costituiranno precedenti da rispettare, come è accaduto in Sudafrica, dove sono diventate parte della giurisprudenza”.

    Wille continua: “Il nostro Paese ha una magnifica Costituzione ma, come tutti sappiamo, il problema è poi l’applicazione” dice il magistrato. “Le sezioni 232 e 233 della Carta fondamentale permettono ai giudici, anzi chiedono loro, di applicare principi internazionali negli ambiti non regolati dalle norme domestiche o dove queste non sono sufficienti”.

    Gli strumenti di Unidroit sono a disposizione di tutti. “Anche altri Paesi dell’Africa, come il Kenya, che ha una Costituzione molto avanzata, prevedono possibilità simili nelle loro rispettive Carte fondamentali” sottolinea Wille.

    “Il mio messaggio a magistrati, avvocati, giudici ed estensori di testi legislativi che hanno difficoltà nel loro lavoro è che esistono delle soluzioni: c’è un ponte che permette di superare acque perigliose, perché si possono applicare i principi di Unidroit”.




    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Napoli, arriva il reddito alimentare: cibo in scadenza donato alle famiglie bisognose

    A Napoli, è stato avviato il progetto del reddito alimentare per supportare le persone in situazioni di difficoltà, coinvolgendo il mondo dell'associazionismo e sia aziende pubbliche che private. L'assessore comunale alle politiche sociali, Luca Trapanese, spiega che si tratta di un'iniziativa sperimentale alla quale la città ha aderito, ottenendo un finanziamento di un milione e mezzo di euro da utilizzare in tre anni. Questi fondi permetteranno a piccole e grandi attività commerciali, così come ai distributori,...

    RSU Jabil incontra manager Europa: “Vogliamo chiarezza sul futuro”

    I delegati sindacali dello stabilimento Jabil di Marcianise hanno incontrato il manager europeo Bruno Soler per discutere della vertenza in corso. L'azienda di elettronica ha lamentato una crisi di commesse produttive che ha portato a quasi 300 esuberi negli ultimi anni. La forza lavoro è passata da 700 unità alle attuali 425. La maggior parte dei lavoratori è stata riassunta in altre aziende grazie ad incentivi pagati da Jabil, ma molti di questi processi di reindustrializzazione non...

    Colpo all’economia illegale di Forcella: sequestrati 35mila articoli contraffatti

    Blitz interforze a Forcella: sequestrati migliaia di articoli contraffatti e sostanze stupefacenti.Nell'ambito di un'operazione congiunta tra Polizia di Stato, Carabinieri e Guardia di Finanza, circa 200 operatori delle forze dell'ordine hanno effettuato perquisizioni nel quartiere Forcella a Napoli. L'intervento ha portato all'identificazione di diversi soggetti, alcuni dei quali sono stati denunciati. Durante le perquisizioni sono stati sequestrati oltre 35.000 articoli contraffatti, un orologio di marca, sostanze stupefacenti tra cui hashish e marijuana, e 20.000 euro...

    Napoli, il video di sfida allo Stato costa caro a Giusy Valda: arrestata

    Due video: due sfide allo Stato. Pur sapendo di non poterlo fare. Era agli arresti domiciliari e da oggi pomeriggio potrà sfoggiare il suo...

    Traffico illecito di rifiuti: arrestati funzionario della Regione Campania e 14 imprenditori

    C'è anche un funzionario della Regione Campania tra i 16 arrestati nell'inchiesta congiunta di Dia e Noe sul traffico illecito di rifiuti tra Campania...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE