Titan, forse individuati i resti umani dell’equipaggio

SULLO STESSO ARGOMENTO

La tragica esplosione del sottomarino di OceanGate, avvenuta nelle profondità dell’Oceano Atlantico al largo di St. John’s, Newfoundland, ha suscitato grande preoccupazione e sconcerto. Le autorità della Guardia Costiera degli Stati Uniti hanno annunciato di aver recuperato ciò che rimane del sottomarino e stanno facendo tutto il possibile per individuare e recuperare i resti del suo equipaggio di cinque passeggeri. Questo tragico incidente ci ricorda la pericolosità delle missioni sottomarine e l’importanza di garantire la massima sicurezza per coloro che vi partecipano. I nostri pensieri sono con le famiglie delle vittime in questo momento difficile.

I resti umani dell'equipaggio del sottomarino Titan forse sono stati individuati

Le immagini e i filmati diffusi dalla stampa canadese mostrano i grandi pezzi di detriti che vengono recuperati e caricati su un veicolo. Tra questi detriti, sembrano esserci frammenti dello scafo del sottomarino Titan, così come la cupola che circonda l’unico oblò. Tuttavia, la società responsabile del recupero, Pelagic Research Services, non ha confermato ufficialmente che i detriti appartengano al Titan, ma ha rimandato i giornalisti alla Guardia Costiera degli Stati Uniti per ulteriori informazioni.

    Questo potrebbe essere dovuto al fatto che le indagini sono ancora in corso e gli addetti ai lavori stanno facendo il possibile per ricostruire esattamente cosa sia successo durante questa tragedia. È probabile che questi sforzi richiederanno del tempo prima che si possano ottenere risposte definitive.

    Secondo le informazioni finora emerse, sembra che il sottomarino sia esploso in modo catastrofico poco dopo aver lasciato la sua nave di supporto, Polar Prince. Questa notizia ha lasciato molti in cerca di risposte, ma sarà necessario attendere da 18 a 24 mesi per concludere l’indagine. Nel frattempo, Carl Hartsfield, un esperto di veicoli subacquei presso il Woods Hole Oceanographic Institution, ha dichiarato al New York Times che è altamente improbabile che il sottomarino avesse un registratore di dati centralizzato in caso di disastro. Questo fa capire che potrebbe essere difficile ottenere informazioni concrete sulle cause dell’incidente.

    Fonte Open.online


    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui


    Il video della violenta aggressione ad Antonio Morra e il pugno che gli ha causato la morte

    Le immagini riprese dalle telecamere di sorveglianza del Mandela Forum la sera di giovedì sono chiare: una discussione,  un pugno e una caduta dalle scale. Così ha perso la vita Antonio Morra, 47 anni, originario di Napoli ma residente a Pistoia: è stato aggredito dopo il concerto dei Subsonica...

    Sciame sismico anche sul Vesuvio, scossa in serata di magnitudo 2.1

    Una domenica bestiale: e non è certo quella cantata anni fa da Fabio Concato. E' quella che hanno vissuto tutti i cittadini dei comuni dei Campi Flegrei e di buona parte della città di Napoli. Poi nei pomeriggio ci si è messo anche il Vesuvio. Perché anche l'area del Vesuvio...

    Nisida, rimossi gli ormeggi abusivi dai fondali

    “Ringrazio la Capitaneria di Porto e l’Autorità di sistema portuale di Napoli per aver coordinato sabato mattina un intervento importante sul litorale di Nisida grazie al quale sono stati rimossi dai fondali diversi ‘corpi morti’ utilizzati dagli ormeggiatori abusivi per ancorare le barche dei loro clienti. Grazie a questa...

    Scampia, droga nascosta nel tubo: arrestato 19enne

    Nel pomeriggio di ieri, durante un servizio di controllo del territorio a Scampia, gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico hanno osservato due uomini vicino ai porticati di un edificio in via Annamaria Ortese. I due hanno estratto qualcosa da un tubo cementato nell’asfalto e l'hanno scambiata con una...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE